Olio essenziale di petitgrain; a cosa serve e come usarlo 615

olio essenziale di petitgrain
L’olio essenziale di petitgrain è ottenuto dalle foglie e dai ramoscelli. Molto simile all’olio di neroli ma generalmente meno costoso. Non comunissimo ma relativamente facile da trovare.
Ottimo da mettere nel diffusore, soprattutto insieme ad altri agrumi come il limone per profumare e rinfrescare la casa.  Provate anche una miscela come lavanda e petitgrain per migliorare il vostro umore. Non usatelo però alla sera prima di andare a dormire. 
Nome botanico: Citrus aurantium
Famiglia: Rutaceae

Storia e Informazione dell’olio essenziale di Petitgrain

L’olio di Petitgrain è derivato dalle foglie e rami di questi agrumi che sono alberi sempreverdi e  sono nativi dell’ Asia.
L’olio è ampiamente usato in profumeria e per uso nei cosmetici, viene usato spesso al posto del limone. 

Usi Pratici dell’olio essenziale di petitgrain

Si usa spesso per il raffreddore
Calma i nervi, allevia l’ansia, la tensione e lo stress mentale; favorisce un sonno riposante, Per questo motivo, viene usato spesso per la meditazione
L’olio essenziale di petitgrain aiuta a migliorare la chiarezza mentale e la prontezza di riflessi
Serve anche per la pelle irritata e molti lo usano per l’acne
Non esistono contraindicazioni precise per questo olio, chiaramente diluirlo sempre soprattutto se usato direttamente sulla pelle, Solo per uso esterno e mai orale.
Essendo sia sedativo che stimolante non usatelo per cercare di dormire, va bene per meditazione e rilassarsi,  ma non per prendere sonno.

 Proprietà di questo olio essenziale

Antidepressivo, antisettico, antispasmodico, antistress, astringente, calmative, deodorante, digestivo, fissativo, nervino, rinfrescante, calmante, stimolante (sistema digerente),  tonico, edificante
In aromaterapia viene usato nelle lampade, nel bagno, nei diffusori, inalatori, come spruzzo e diluito in olio per massaggi.
L’olio ha un colore colore giallo leggermente ambrato. Profuma decisamente di limone.
Potete mischiarlo con successo a tanti oli come la lavanda, il geranio, il bergamotto, l’incenso, il sandalo e il rosmarino.
Previous ArticleNext Article

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: