Olio essenziale di mimosa; a cosa serve e come si usa? 136

olio essenziale di mimosa

L’olio essenziale di mimosa non è molto comune ma potrebbe interessarti e non solo per il giorno della donna. La pianta è della famiglia delle acacie e proviene dall’Australia anche se ora viene coltivata in tutte le zone calde o temperate del mondo. Membro della famiglia delle acacie, la mimosa è originaria dell’Australia sud-orientale.

L’olio essenziale viene estratto dai fiori e ramoscelli e come i fiori anche l’olio è giallo anche se a volte ha tonalità marroni, tende ad essere denso e ha un profumo floreale e legnoso.

L’olio essenziale di mimosa viene usato particolarmente per la pelle. Infatti sembra sia ottimo per ammorbidire e nutrire la pella. Ci sono persone che usano la mimosa come parte del loro regime di bellezza quotidiano e dicono di vedere risultati dopo un paio di settimane, se hanno la pelle troppo grassa la mimosa dovrebbe aiutare ad equilibrarla, essendo un astringente.

Ma le proprietà di questa pianta non finiscono qui, dovrebbe anche essere un calmante ma allo stesso tempo dovrebbe aiutare ad aumentare l’energia e la motivazioni. Alcuni giurano che abbia anche un effetto afrodisiaco, chi siamo noi per metterlo in dubbio?

Come usare l’olio essenziale di mimosa?

Tieni presente che la mimosa viene spesso usata in profumi anche costosi quindi puoi usarla per profumare gli ambienti ma la sua proprietà maggiore è quella di ‘fissare’ i profumi quindi è perfetto insieme ad altri oli essenziali. Per rinfrescare la casa puoi usare nel diffusore una miscela di lavanda, mimosa e geranio.

olio essenziale di mimosa

Puoi provare altre combinazioni con olio essenziale di benzoino, lavanda, legno di cedro, bergamotto, ylang ylang e salvia.

Per tonificare la pelle puoi usare 100 ml di hamamelis con circa dieci gocce di olio essenziale di mimosa e usarlo ogni sera per le zone grasse del viso.

Puoi anche usarlo nella vasca da bagno per un bagno rilassante, un paio di gocce diluite in un liquido adatto per bagno.

 

Previous ArticleNext Article

Rispondi

Send this to a friend