Ricetta per shampoo naturale alla lavanda e rosmarino

Uno shampoo tutto naturale ed ecologico che non solo profuma meravigliosamente bene ma è gentile sullo scalpo e previene il problema della forfora. Per fare questo shampoo occorre il sapone di Castiglia che è stato il primo sapone bianco della storia ed è usato da oltre 1000 anni. Puoi comprare il sapone di Castiglia già pronto oppure farlo tu a casa. Se decidi di comprarlo assicurati che sia puro al 100%.

Per fare questo shampoo devi avere una bottiglia che riempierai per metà di sapone di Castiglia. A questo punto aggiungi otto gocce di olio essenziale di lavanda e poi otto gocce di olio essenziale di rosmarino. Aggiungi poi una tazza di acqua distillata o acqua filtrata. Mischia tutto bene.

[amazon_link asins=’B01N32WQ2C,B00CIRA4MC,B00DIZAUYA,B008MVOAQO,B01F2NSPK6′ template=’ProductCarousel’ store=’aromiepiante-21′ marketplace=’IT’ link_id=”]

Puoi usarlo come shampoo avendo cura di massaggiarlo bene sui capelli e sullo scalpo. Siccome contiene il rosmarino non usare questo shampoo durante la gravidanza o se soffri di epilessia.

olio essenziale di limone per capelli

Olio essenziale di limone per capelli, come usarlo e funziona veramente?

Molti chiedono come si usa l’olio essenziale di limone per capelli e a cosa serve veramente. Ci sono effettivamente molte voci in giro e alcune sono anche contradditorie.

Questo olio può essere usato sui capelli ma sempre ben diluito, potete usarlo in uno shampoo organico non profumato oppure fare il vostro shampoo casalingo, in ogni caso non mettete mai nessun olio essenziale direttamente sui capelli e sul cuoio cappelluto. Potete diluire l’olio in un pochino d’acqua e massaggiare il tutto nei capelli dopo averli lavati, dovrebbe mantenerli meno grassi e in questo modo dovreste avere bisogno di lavarli meno spesso.

Come usare l’olio essenziale di limone per capelli?

[amazon_link asins=’B004RGOB1C,B0054S1GJ2,B079SJTGK8,B0786W1Y8Y,B00EC6QI4U,B0786NW9GL’ template=’ProductCarousel’ store=’aromiepiante-21′ marketplace=’IT’ link_id=’c77144ef-82c9-4fde-ae53-cf79905fa495′]

Sicuramente l’olio di limone ha principi che regolano l’acidità e la produzione di sebo ed è anche un antisettico e quindi va bene anche per il cuoio capelluto. Alcuni dicono che il limone aiuta anche la ricrescita dei capelli ma su questo non abbiamo ancora molta prova che effettivamente funzioni. Ovviamente il fatto che l’olio essenziale di limone regoli l’acidità significa che crea un ambiente migliore per la crescita dei capelli. Si dice anche che sia in grado di pulire i follicoli e quindi da ai capelli la possibilità di crescere indisturbati.

olio essenziale di limone per capelli

In ogni caso, ci sono altri oli essenziali che sono buoni per i vostri capelli, spesso i risultati migliori si hanno usando diversi oli invece che uno solo. Per esempio olio essenziale di limone e tea tree insieme ad uno shampoo non profumato e un po’ di olio di jojoba sono un buono shampoo non solo per i capelli ma per la salute di tutto il cuoio capelluto. In fondo, se volete i capelli sani dovete avere un cuoio capelluto sano, non basta pensare ai capelli dovete pensare a tutto l’insieme.

Oltre agli oli essenziali dovrete anche avere una buona alimentazione e bere tanta acqua per mantenere sani e belli i capelli. Ricordatevi comunque che l’olio essenziale di limone è fotosensibile quindi se lo mettete sulla pelle e poi uscite al sole aumentano le probabilità che vi scottiate. Quindi attenzione anche quando lo usate, potrebbe sempre finire in aree sensibili della vostra pelle come la nuca e il collo e scottarvi.

 

arancio dolce per il viso

Olio essenziale di arancio dolce per viso, capelli e altro

Solo a sentire la parola arancio dolce viene la voglia di farsi un’aranciata, ma questo frutto ha anche altri impieghi, non solo si mangia o si beve. Infatti si usa l’arancio dolce per viso, capelli e anche altre cose come potrai scoprire in questo articolo. Inoltre ha un ottimo aroma!

Molti dicono di usarlo contro l’acne e ci sono anche motivi per i quali sarebbe efficace. Prima di tutto è antibatterico e anti infiammatorio ma come altri oli provenienti da agrumi è anche astringente. Se usate sulla pelle però dovete fare attenzione perché è un olio fotosensibile. Ovvero se andate al sole rischiate di scottarvi facilmente. In ogni caso non mettetelo mai sulla pelle mai allo stato puro, diluitelo in qualche olio vettore.

Sembra anche che la combinazione olio essenziale di arancio dolce e olio essenziale di basilico sia particolarmente effettiva contro l’acne.

Altri invece consigliano di usarlo per i capelli soprattutto se si ha lo scalpo irritato, l’olio essenziale di arancio dolce grazie alle stesse proprietà anti batteriche e anti infiammatorie funziona anche per lo scalpo. Inoltre ha il vantaggio di favorire la crescita dei capelli e di rinforzarli. Si dice anche che la vitamina C che contiene sia buona per rinforzare le radici dei capelli.

Altri diranno che sia anche utile contro la depressione e qui ci fermiamo. Che possa mettervi di buon umore siamo anche d’accordo ma se soffrite di depressione clinica e seria non basta l’olio essenziale di arancio dolce. Dovete andare da un medico specializzato. Potete usare gli oli essenziale come medicina complimentare, per aiutarvi a superare certi momenti difficili ma non devono mai sostituire altre cure per malattie e disturbi seri. La depressione deve essere presa seriamente. Chiaramente se l’olio essenziale di arancio dolce vi fa sentire meglio, usatelo pure, ma non evitate il dottore.

Per finire l’olio essenziale profuma la stanza e tiene alla larga gli insetti. Usatelo anche come deodorante dell’ambiente, spruzzatelo mischiato con acqua e avrete quella bella sensazione di fresco e pulito.

olio essenziale di ylang ylang

Olio essenziale di ylang ylang; cose da sapere e come usarlo

L’olio essenziale di ylang ylang è calmante e rilassante ma ha anche un grande aroma, usato molto in profumeria. 
Nome botanico: Cananga odorata var. genuina, Unona odorantissimum
Famiglia: Annonaceae
L’olio essenziale è ottenuto dai fiori.

Storia e Informazioni dell’olio essenziale di ylang ylang

Ylang-ylang è un albero sempreverde originario dell’Asia. L’albero cresce fino ad un’altezza di circa  25 metri), ha foglie lucide e  fiori grandi gialli e profumati che diventano frutti neri, con numerosi semi di colore nero all’interno. Ylang-ylang è noto anche come albero profumato
I fiori vengono raccolti all’alba. Se sono rovinati non possono essere utilizzati
 Il nome di ylang-ylang in lingua Malese significa “fiore dei fiori”.
 In Indonesia, i ifiori di ylang-ylang vengono messi sul letto di una coppia di sposi la prima notte di nozze.
Le foglie vengono strofinate sulla pelle per aiutare a ridurre il prurito. La resina degli alberi è utilizzata per dolori muscolari e delle articolazioni e problemi della pelle.
La prima distillazione dell’olio essenziale è chiamata ylang-ylang extra ed è considerata nel settore per essere il più alto e puro grado. Come la distillazione continua cala anche la  qualità o ovviamente il costo. Le classi superiori sono utilizzate nella formulazione di profumi.
Ylang-ylang è un ingrediente di tanti cosmetici, saponi, detergenti, lozioni e profumi. È anche ampiamente utilizzato in alimenti, bevande alcoliche e bevande regolari, dessert a base di latte, prodotti da forno, caramelle.
Ylang-ylang mescolato all’olio di cocco è conosciuto come olio di macassar.

Usi Pratici dell’olio essenziale di ylang ylang

Ha un effetto calmante, rilassante, riduce lo stress; favorisce un sonno riposante
Euforico, afrodisiaco; rende facile esprimere  emozioni e sentimenti, migliora la comunicazione
Buono  contro la tensione muscolare, diminuisce il dolore
Disinfettante e antisettico e utile per  il ringiovanimento della pelle e dei capelli
Ottimo per la pelle grassa, acne e la cura generale della pelle
Usato in casi di depressione e  insonnia

Proprietà di questo olio essenziale

Antidepressivo, antiprurito, antisettico, afrodisiaco, calmante, carminativo, emmenagogo, emolliente, euforizzante, fissativo, idratante, nervino, rilassante, sedativo, stimolante del sistema circolatorio, tonico

Come utilizzare l’olio essenziale di ylang ylang in aromaterapia

Tramite lampada, nel bagno, diffusore,  inalatore anche personale, anello, massaggi e spruzzo
Si mescola bene con: arancia dolce, lavanda, geranio, limone, bergamotto, legno di sandalo, pompelmo e  gelsomino
Caratteristiche dell’ olio assenziale: di colore giallo paglierino, con un  profumo dolce e floreale ma molto forte, quasi inebriante
Principali Componenti Chimici dell’Olio Essenziale: Sesquiterpeni, alcoli, esteri e fenoli 

 Avvertenze e contraindicazioni

Attenzione: Può causare mal di testa o nausea se usato in grandi quantità

Altri oli essenziali da scoprire

olio essenziale di ginepro

Olio essenziale di ginepro, cose da sapere e come usarlo

L’olio essenziale di ginepro viene usato da secoli per disinfettare, rilassare e anche contro gli insetti. Non un olio comunissimo …

0 comments

Bergamotto e pressione alta, come usarlo e funziona veramente?

Troverete spesso dire che l’olio essenziale di bergamotto sia buono per abbassare la pressione alta? Sarà vero? Ci sono un …

0 comments
olio essenziale di limone

Olio essenziale di limone; cose che devi sapere e come usarlo

Un olio profumatissimo che può essere usato in tanti modi anche solo per rinfrescare l’ambiente. L’olio essenziale di limone viene …

0 comments
olio essenziale di limone

Olio essenziale di limone; cose che devi sapere e come usarlo

Un olio profumatissimo che può essere usato in tanti modi anche solo per rinfrescare l’ambiente. L’olio essenziale di limone viene usato anche come tonico per la pelle, per la nausea e per migliorare la concentrazione.Si mescola Bene con: Altri oli essenziali di agrumi, lavanda, geranio, speziato e floreale nota di base di oli essenziali

Pianta originaria dell’Asia—, anche se ora è comune in tutta la regione Mediterranea, la California, la Florida, Cipro, Italia, e in altre aree del mondo
La pianta è un albero da frutto sempreverde che cresce fino a una ventina di metri di altezza. Ha forma ovale, foglie verdi e fiori profumati. Ha spine acuminate che lo distinguono da altri alberi da frutto. Il colore giallo di frutta è di circa la dimensione e la forma di un uovo, ma può variare
L’olio essenziale è di colore verde e di colore giallo, con un forte aroma
Principali Componenti Chimici dell’olio essenziale: Monoterpeni

Usato da secoli nei paesi mediterranei contro raffreddori e altre malattie, non sorprendentemente il limone contiene molte vitamine C, B  e A.

[amazon_link asins=’B0054S1GJ2,B01M26Q4TC,B01JJPXO2C,B01KT3Y0LC’ template=’ProductCarousel’ store=’aromiepiante-21′ marketplace=’IT’ link_id=’897873f0-4e21-11e8-8b18-fb1894466f8b’]

Principali Proprietà Terapeutiche dell’Olio Essenziale di limone

Antibatterico, antimicrobico, antivirale, anti-infettivo, astringente, digestivo
Utile per la pelle grassa, pelle secca, pelle matura, acne come tonico e astringente
Può essere usato per cattiva circolazione, raffreddori, influenza, disturbi digestivi, asma
Molte donne lo usano per  la Cellulite

Modalità di Utilizzo: oli da Massaggio, diffusori, per la cura della pelle basi , spray, prodotti per il bagno, candele
Stimola il sistema immunitario e la produzione di globuli bianchi
Emostatico ovvero ferma l’uscita del sangue
Abbassa la febbre se usato esternamente
Buono contro l’acidità dello stomaco per mantenere l’alcanilità del sistema. Buono contro la nausea.
Tonico per il sistema digerente incluso il fegato
Buono contro le vene varicose e la circolazione inclusa la pressione alta
Schiarisce leggermente la pelle e anche le lentiggini nel corso del tempo

Buono anche contro la forfora
Alcuni credono sia effettivo contro le rughe, ha comunque proprietà astringenti e serve in casi pelle grassa e acne
Viene anche usato per rimuovere verruche
Aiut a migliorare  la concentrazione,  se diffuso nell’aria

Avvertenze e controindicazioni dell’olio essenziale di limone

[dropshadowbox align=”none” effect=”lifted-both” width=”auto” height=”” background_color=”#efdb6c” border_width=”1″ border_color=”#dddddd” ]Generalmente piuttosto sicuro ma non usarlo sulla pelle prima di uscire al sole, aumenta infatti il rischio di scottature. L’olio di limone non dura molto e può diventare rancido nel giro di 6/12 mesi. [/dropshadowbox]

Esempi di usi dell’olio essenziale di limone

Per tirarvi su il morale e rinfrescare una stanza provate a diffondere un paio di gocce di limone con un paio di gocce di olio essenziale di lavanda. Come alternativa fate uno spray con questi oli e spruzzatelo nella stanza.

OLIO ESSENZIALE DI legno di sandalo

Olio essenziale di sandalo; proprietà, benefici e come usarlo

L’olio essenziale di sandalo (o di legno di sandalo) ha un profumo molto piacevole e spesso usato in cosmetici e profumi e non solo per le sue proprietà teraupetiche. Usato molto anche per incensi ha un ottimo profumo legnoso ideale sia per uomini che per donne.

Nome botanico: Santalum album. Questo nome deve essere sulla bottiglietta, se cercate il vero olio essenziale di sandalo, ci sono infatti tante imitazioni in giro, come scoprirete leggendo questo articolo.

Informazione sulla pianta di sandalo

L’olio viene normalmente estratto con il vapore. La pianta proviene dall’Asia tropicale, purtroppo la specie Santalum album è elencata nella lista delle specie minacciate e vulnerabilie. Di conseguenza, molti  sono in cerca di un’alternativa, come per esempio santalum austrocaledonicum, che è chimicamente simile al Santalum album e cresce in Nuova Caledonia

Descrizione della Pianta: Si tratta di un albero sempreverde che cresce fino a trenta metri di altezza. Ha piccoli fiori rosa, una corteccia verde e foglie coriacee. L’olio essenziale viene estratto dall’albero quando raggiunge la maturità ad almeno trenta anni di età
Caratteristiche dell’ Olio Essenziale: Di colore giallo-marrone con un aroma legnoso e balsamico.
Principali Componenti Chimici dell’Olio Essenziale: Alcoli

[amazon_link asins=’B00IG7EGZY,B0798QBTYW,B0791C99YR’ template=’ProductCarousel’ store=’aromiepiante-21′ marketplace=’IT’ link_id=’110e6b8c-b4e8-11e8-a649-23903b4ce3f6′]

Principali Proprietà Terapeutiche dell’Olio Essenziale: Antidepressivo, afrodisiaco, antibatterico, decongestionante, calmante, anti-infettivo e un tonico sessuale

Sandalo (essenza)

sandalo o legno di sandalo è un’essenza molto usata in profumeria. Il suo nome è dovuto alle piante del genere Santalum comunemente chiamate sandalo.

Modalità di Utilizzo dell’olio essenziale di sandalo (o di legno di sandalo)

Potete usare l’olio essenziale di sandalo in tanti modi, nel vostro diffusore, nella vasca da bagno, nei massaggi oppure fare i vostri prodotti in casa. Può essere usato in maschere per il viso fatte con prodotti naturali.

Buono in casi di  pelle secca ma anche acne. Viene anche usato contro le rughe e smagliature.

L’olio di legno sandalo è anche indicato per i capelli secchi
Può aiutare in casi insonnia, stress, sciatica, bronchite e tosse

Generalmente buono contro la tensione nervosa
Importante antisettico per le vie urinarie
Buono contro le tossi che non vanno via e le bronchiti croniche, in questi casi, inalare o massaggiare sul petto
Calmante se ansiosi e migliora l’umore generalmente, se siete stanchi e nervosi fatevi fare un bel massaggio con l’olio essenziale di sandalo. Sembra sia anche efficace per i problemi di memoria.
Astringente. Viene anche usato per le vene varicose

 

Si mescola bene con: chiodi di garofano, mirra, lavanda, bergamotto, ylang ylang, rosa e vetiver

 

Avvertenze e controindicazioni dell’ olio essenziale di sandalo

olio essenziale di sandalo

Attenzione: Non si conoscono controindicazioni in generale per uso aromaterapia.
Evitare di usare l’olio essenziale  di sandalo per persone bipolari e non usare in casi seri di depressione clinica. Serve a migliorare l’umore, ma non è una cura per malattie mentali.

Evitare nei prime tre mesi di gravidanza e non usate per i bambini sotto i 12 anni. Se non avete mai usato l’olio essenziale di sandalo prima e volete usarlo sulla pelle, fate prima un test per vedere se siete allergici. Mettete una goccia di olio essenziale in un cucchiaino di olio vettore e spalmatelo all’interno del gomito in una zona grossa come una moneta. Se dopo 24 ore la zona non è arrossata o mostra altri sintomi di allergia, potete procedere all’uso.

Se usate l’olio essenziale di sandalo direttamente sulla pelle diluitelo sempre in olio vettore di vostra scelta. 1 goccia di olio essenziale per 5ml di olio vettore se anziani o avete problemi di salute e 2 gocce per 5ml se siete adulti in buona salute.

Conservare in una bottiglietta di vetro scuro (blu o color ambra) e tenere in un posto fresco e non direttamente alla luce del sole. Tenere lontano da bambini e animali, usate le stesse precauzioni che usereste con qualsiasi altra medicina. Un olio essenziale di buona qualità non dovrebbe mai scadere.

L’olio essenziale di sandalo viene estratto da piante che devono avere almeno 30 anni quindi non può essere molto economico. Diffidate di fornitori che vendono questo olio essenziale allo stesso prezzo dell’olio di lavanda o di limone. Se l’olio è autentico ci deve essere una differenza di prezzo.

Sandalo o Amyris?

Molti fornitori vendono olio essenziale di sandalo a buon prezzo ma se guardate la bottiglia si tratta di Amyris Balsamifera e non Santalum Album. Questo albero è un agrume che cresce principalmente nella zona dei Caraibi (si dice sia stato scoperto da Cristoforo Colombo) e non è nemmeno imparentato al sandalo ma ha un profumo molto simile.

Anche se non sandalo potete usarlo per le sue proprietà teraupetiche che sono buone per la pelle, i dolori muscolari, bronchiti e problemi digestivi. Ha comunque un buon profumo e potete tranquillamente usarlo ma non ha le stesse proprietà del legno di sandalo.

Esempi di uso di olio essenziale  di sandalo

Un paio di gocce sui polsi servono a calmare, diminuire la tensione nervosa e lo stress. Avendo un profumo piacevole potete prendere una bottiglietta con la sfera o a rullo, riempirla dell’olio vettore di vostro gradimento e aggiungere qualche goccia di olio essenziale di sandalo. Potrete quindi portarla in giro con voi.

[amazon_link asins=’B075T7H87F,B01M32M7NX,B0781G29ZV,B01M6XX3BE,B01K4AEXGC’ template=’ProductCarousel’ store=’aromiepiante-21′ marketplace=’IT’ link_id=’85c23dc4-b4e5-11e8-8a5c-a553954718af’]

Un paio di gocce nella vasca da bagno dovrebbero aiutare in casi di mal di testa causati da stress e tensione

Aggiungere 20 gocce di olio essenziale di legno di sandalo in 100 ml di acqua distillata e usatelo come tonico se avete la pelle secca o le prime rughe.

Una crema per il viso e contro le rughe economica, prendere un vasetto 100 grammi di olio di cocco, 15 gocce di olio essenziale di sandalo e 15 gocce di olio essenziale di franchincenso. Spalmatela sul viso una volta al giorno e tenetela in frigorifero. 

 

oli essenziali per i capelli

Come usare gli oli essenziali per i capelli?

Avete mai pensato di usare gli oli essenziali per i vostri capelli? Effettivamente possono essere molto utili e ci sono diversi modi per farlo.
Come sappiamo il massaggio del cuoio capelluto può essere molto efficace per problemi come la caduta dei capelli e capelli fragili o secchi, ma bisogna farlo in genere almeno una volta alla settimana. Il massaggio stimola anche la circolazione del cuoio capelluto e nutre gli strati più profondi della pelle, portando più nutrienti ai follicoli e migliorando lo stato e qualità dei  capelli.

Ci sono tanti modi per usare gli oli essenziali per i capelli?

[dropshadowbox align=”none” effect=”lifted-both” width=”auto” height=”” background_color=”#fba7f5″ border_width=”1″ border_color=”#dddddd” ]Potete fare voi  un olio adatto al massaggio del cuoio capelluto,  basta mescolare 40 ml di olio di cocco e 10 ml di olio di germe di grano con tra 10 e 25 gocce di olio essenziale. Scegliete voi l’olio essenziale giusto, secondo il vostro tipo di capelli, pelle e le vostre esigenze.[/dropshadowbox]
Se avete i capelli grassi, potete anche fare un tonico che vi aiuta ad equilibrare la produzione di sebo, che è l’olio prodotto alla base dei vostri capelli. Il tonico dovrebbe anche promuovere la crescita dei capelli, soprattutto se scegliete gli oli essenziali per i capelli. Anche in questo caso scegliete voi l’olio essenziale giusto per voi controllando le proprietà di ciascuno, mettete un cucchiaio di aceto di mele e circa 100 ml di acqua distillata. Potete anche aggiungere 10 gocce di olio essenziale di lavanda all’acqua distillata. Usate la miscela per massaggiare bene il cuoio cappelluto.
A volte non avete tempo di lavarvi i capelli e se sono un po’ grassi e hanno forfora potete massaggiare direttamente 5 gocce di olio essenziale di lavanda e 5 gocce di olio essenziale di albero del té, non dovete fare altro che usare le dita per mettere questi oli nei capelli. 
In ogni caso non lavate i capelli troppo spesso, li danneggierete privandoli degli oli protettivi naturali. Se volete fare uno shampoo veloce asciutto prendete un cucchiaino di argilla di fuller e metteteci una goccia di olio di rosmarino.  Separate i capelli in sezioni e cospargere la miscela. Lasciare agite per cinque minuti dopo spazzolate bene.
[amazon_link asins=’B01BU3AONS,B07C63M8ZT,B00W0XXVRO,B07CRH5KSD’ template=’ProductCarousel’ store=’aromiepiante-21′ marketplace=’IT’ link_id=’960e2b9a-6fa8-11e8-99d4-0120ed9dddad’]
Con gli oli essenziali potete anche fare in casa un buon balsamo per favorire la crescita dei capelli e migliorare la qualità e la struttura dei capelli. Prendete 10 gocce di olio essenziale di vostra scelta e mescolatele a  25 ml di olio extravergine di oliva leggermente tiepido e strofinate questa miscela nel cuoio capelluto. Coprite i capelli con della carta cerata, avvolgete in asciugamani caldi e lasciare agire per un’ora circa. Lavate bene usando uno shampoo delicato per non rimanere con i capelli tutti unti! Potete fare questo semplice procedimento un paio di volte al mese. 
[dropshadowbox align=”none” effect=”lifted-both” width=”auto” height=”” background_color=”#faee51″ border_width=”1″ border_color=”#dddddd” ]ATTENZIONE certi oli essenziali non si mischiano bene con shampoo e altri detergenti, questi sono limone, ylang ylang, legno di cedro, limone, cipresso e mandarino. Non potrete fare shampoo o gel per docce con questi oli, ma potete usarli negli altri modi elencati. [/dropshadowbox]
Potete fare anche uno shampoo vostro personale, acquistate uno shampoo a pH neutro  e come al solito aggiungete gli oli essenziali che preferite o che vanno meglio al caso vostro. Potete fare una bottiglia da 100 ml, in questo caso non mettere più di 50 gocce di olio essenziale. Se invece preferite farlo ogni volta mettete un paio di gocce per ogni dose di shampoo, mischiatela nel palmo della mano e fate uno shampoo normale.