olio essenziale di maggiorana

Olio essenziale di maggiorana; a cosa serve e come usarlo

Un ‘erba familiare in cucina ma che ha anche proprietà mediche. L’ olio essenziale di maggiorana,
anche se non tra i più usati, ha proprietà interessanti e un buon aroma.

Provatelo mischiato all’olio essenziale di limone o arancia in un diffusore per profumare la stanza. 
Descrizione dell’olio essenziale di maggiorana
Nome botanico: Origanum marjorana.
Si mescola Bene con: Lavanda, geranio,cipresso, eucalipto, pepe nero, legno di cedro e tutti gli oli essenziali di agrumi
Oli alternativi: Neroli (Citrus aurantium var. amara), di rosa (Rosa damascena), tea tree (Melaleuca alternifolia)
Metodo di Estrazione: distillazione in corrente di Vapore della fioritura di erbe (essiccate)
La pianta era originaria della regione del Mediterraneo e del nord Africa. È coltivata  ora in molti paesi, compresi gli Stati Uniti. Una pianta perenne o annuale, che cresce fino a due metri di altezza. Ha foglie verdi e piccoli fiori bianche ed è molto profumata.
L’olio essenziale di maggiorana è di colore giallo dal pallido al color ambra a secondo il tipo di pianta. Le piante che crescono in posti caldi hanno anche un’aroma  con note di canfora e mentola.
Principali Componenti Chimici dell’Olio Essenziale: Alcoli e monoterpeni
maggiorana
 

Principali proprietà terapeutiche dell’olio essenziale di maggiorana

: Analgesico, antisettico, antivirale, antibatterico, anti-infettivi, espettorante, sedativo, emmenagogo
Viene usato per minimizzare i lividi, in casi artrite e dolori muscolari, asma, bronchite e disturbi respiratori. Forte espettorante e buono contro il catarro.  Molti ritengono questo olio utile anche per casi di stress, depressione e insonnia. Alcune donne giurano che trovano sollievo dai dolori mestruali se usano questo olio.
Viene anche usato contro i dolori muscolari, crampi e spasmi. Ma sono le sue proprietà anti batteriche e anti virali che lo rendono un olio particolarmente utile.

Origanum majorana

coltivata per alimentare l’industria delle essenze con l'”Olio essenziale di maggiorana” usato nella produzione dei saponi, per profumare carni insaccate
 
Modalità di Utilizzo: oli da Massaggio, diffusori, viene anche usato in saponi e lozioni per la pelle, spray, prodotti per il bagno e sali e anche candele
Attenzione: Evitare durante la gravidanza. Come sempre fare un test sulla pelle prima di usarlo per massaggi e diluitelo bene in olio vettore. Non usatelo per massaggiare bambini.  Non confondere la maggiorana (Origanum marjorana) con l’origano comune (Origanum vulgare), che è a volte indicato come maggiorana. Inoltre, spagnolo maggiorana (Timo mastichina) non è  la maggiorana. L’origano ha componenti chimici diversi dalla  maggiorana. Ma un italiano dovrebbe distinguerli facilmente dall’aroma.
 
Mettete due gocce di maggiorana in un cucchiaio da tavola di olio vettore. Il massaggio serve a rilassare i muscoli del collo e a prevenire il mal di testa.
 
olio essenziale di incenso

Olio essenziale di incenso; a cosa serve e come usarlo

L’olio essenziale di incenso, insieme alla mirra ci ricorda dei tre magi, era infatti uno dei tre doni che portarono …

0 comments
olio essenziale di alloro

Olio essenziale di alloro; cose che dovete sapere

L’olio essenziale di alloro è ottenuto dalle foglie di questo albero chiamato anche lauro. Non un olio essenziale molto usato. …

0 comments
olio essenziale di cannella

Olio essenziale di cannella; cose da sapere e quando usarlo

Conosciamo tutti questa spezia per dolci e bevande ma esiste anche un olio essenziale di cannella utile in diverse occasioni …

0 comments
olio essenziale dell'albero del tè

Olio essenziale dell’albero del tè (tea tree), a cosa serve e come usarlo

Indubbiamente l’olio essenziale dell’albero del tè  è da tenere in casa date le sue forti proprietà antisettiche antivirali. Ottimo anche …

0 comments
olio essenziale di cipresso

Olio essenziale di cipresso, cose da sapere e come usarlo

Forse non sapevate che c’era un olio essenziale di cipresso, invece esiste proprio ed è anche piuttosto utile. Personalmente lo …

0 comments
 
 
arancio dolce per il viso

Olio essenziale di arancio dolce per viso, capelli e altro

Solo a sentire la parola arancio dolce viene la voglia di farsi un’aranciata, ma questo frutto ha anche altri impieghi, non solo si mangia o si beve. Infatti si usa l’arancio dolce per viso, capelli e anche altre cose come potrai scoprire in questo articolo. Inoltre ha un ottimo aroma!

Molti dicono di usarlo contro l’acne e ci sono anche motivi per i quali sarebbe efficace. Prima di tutto è antibatterico e anti infiammatorio ma come altri oli provenienti da agrumi è anche astringente. Se usate sulla pelle però dovete fare attenzione perché è un olio fotosensibile. Ovvero se andate al sole rischiate di scottarvi facilmente. In ogni caso non mettetelo mai sulla pelle mai allo stato puro, diluitelo in qualche olio vettore.

Sembra anche che la combinazione olio essenziale di arancio dolce e olio essenziale di basilico sia particolarmente effettiva contro l’acne.

Altri invece consigliano di usarlo per i capelli soprattutto se si ha lo scalpo irritato, l’olio essenziale di arancio dolce grazie alle stesse proprietà anti batteriche e anti infiammatorie funziona anche per lo scalpo. Inoltre ha il vantaggio di favorire la crescita dei capelli e di rinforzarli. Si dice anche che la vitamina C che contiene sia buona per rinforzare le radici dei capelli.

Altri diranno che sia anche utile contro la depressione e qui ci fermiamo. Che possa mettervi di buon umore siamo anche d’accordo ma se soffrite di depressione clinica e seria non basta l’olio essenziale di arancio dolce. Dovete andare da un medico specializzato. Potete usare gli oli essenziale come medicina complimentare, per aiutarvi a superare certi momenti difficili ma non devono mai sostituire altre cure per malattie e disturbi seri. La depressione deve essere presa seriamente. Chiaramente se l’olio essenziale di arancio dolce vi fa sentire meglio, usatelo pure, ma non evitate il dottore.

Per finire l’olio essenziale profuma la stanza e tiene alla larga gli insetti. Usatelo anche come deodorante dell’ambiente, spruzzatelo mischiato con acqua e avrete quella bella sensazione di fresco e pulito.

rodiola rosa

La rodiola rosa in medicina, a cosa serve e come viene usata?

Si sente spesso parlare di rodiola rosa (Rhodiola rosea L.) e molti parlano delle sue proprietà medicinale, specialmente come antibiotico naturale.

Le rodiole sono tipiche piante grasse con foglie carnose, piene d’acqua e di colore grigio-verde. Le piante crescono fino a circa 30 cm e avranno, a seconda della specie, un grappolo di fiori gialli, rosa, rossi o arancioni.

Ci sono decine di specie diverse di rodiola rosa, quasi tutte crescono intorno alla zona artica o comunque nel nord. Alcuni dicono che solo quella russa ha proprietà medicinali, in realtà sono tutte molto simili e contengono gli stessi costituenti attivi.  Quello che può cambiare nel profilo chimico della pianta non dipende dal tipo o da dove cresce ma dal periodo dell’anno quando viene raccolta.
Foto: picture taken by Olaf Leillinger [CC BY-SA 2.5], via Wikimedia Commons

rhodiola

La rodiola rosa è una pianta perenne quindi la trovate tutti i mesi dell’anno, chiaramente la sua crescita varia a seconda la stagione e così anche la proporzione di principi attivi presenti.

Normalmente comprerete la rodiola rosa già raccolta e preparata, difficilmente organizzerete una spedizione artica per andarla a raccogliere quindi non dovrete preoccuparvi troppo di questo aspetto. Ci sono persone però che comprano i semi e fanno crescere le piante in giardino, ma sono una minoranza. Se volete usare le radici, sono decisamente più potenti in aprile/maggio che in altri mesi.

Proprietà medicinali della rodiola rosa

Oltre ad essere considerato un antibiotico naturale la rhodiola rosea è nota per avere effetti sulla serotonina. Quindi, almeno sulla carta, dovrebbe migliorare gli stati depressivi, l’attività mentale e cardiovascolare e addirittura aiutare a perdere peso.

Diverse specie di rodiole sembrano avere proprietà antibiotiche e antibatteriche. Ci sono stati diversi studi scientifici sulle proprietà medicinali della rodiola rosa e generalmente confermano che si tratta di una pianta utile per trattare diverse condizioni mediche. Soprattutto per quanto riguarda il suo effetto sulla produzione di serotonina. In ogni caso, se soffrite di depressione o insonnia cronica, andate da un medico prima di medicarvi da soli.

La pianta è anche considerata come un aiuto potenziale in casi di epatite C e cancro, ma ancora occorrono altri studi.

Ci sono persone che comprano l’erba e la usano nella cucina ma generalmente si compra in capsule o come tonico. Le istruzioni si troveranno nella confezione e non si conoscono seri effetti collaterali. Siccome è un’erba che tende a tenere svegli, si sconsiglia di prenderla alla sera prima di andare a dormire.

 

 

 

OLIO ESSENZIALE DI BERGAMOTTO

Olio essenziale di bergamotto; a cosa serve e come usarlo

Uno degli oli essenziali più usati e conosciuto per avere un effetto di equilibrio sia per la mente che per il corpo. L’olio essenziale di bergamotto viene spesso usato per tirare su il morale.

Nome botanico: Citrus bergamia
Famiglia: Rutaceae
L’olio essenziale è ottenuto dalle scorze del frutto.

 

Storia e Informazioni dell’olio essenziale di bergamotto

Il bergamotto è un agrume sempreverde  originario dell’Asia. L’albero cresce fino ad un’altezza di circa 4,5 metri e ha frutti verdi/gialli non commestibili.

Il bergamotto è stato scoperto crescere in Calabria, in Italia, nel 1600. L’essenza era stata inizialmente venduta nella città di Bergamo in Lombardia e da qui abbiamo il nome.
Nella medicina tradizionale italiana, l’olio veniva usato come rimedio contro i vermi e le febbri.
Il bergamotto è rinomato per il suo aroma ed è molto usato in profumeria e viene messo nel tè Earl Grey.

Usi teraupetici dell’olio essenziale di bergamotto

L’olio del bergamotto viene usato come anti depressivo e anche per abbassare le febbri. Ha anche proprietà antibatteriche e antivirali.

Usato molto contro le cistiti e altre infezioni delle vie urinarie, qualche goccia nella vasca da bagno può prevenire infezioni
Buono in casi di ansia e depressione, secondo alcuni studi sembra che l’olio essenziale di bergamotto agisca sull’ipotalamo che controlla emozioni come rabbia e terrori. Occorre maggiore ricerca in questo campo, come capita spesso per gli oli essenziali, è difficile trovare sponsor per le ricerche.
Può servire a regolare l’appetito, non solo per chi non ne ha ma anche utile a chi ha sempre fame

 

Forte disinfettante utile anche contro l’acne o qualsiasi infezione cutanea

Purificante, aiuta nella riduzione della cellulite
Rilassante, allevia l’ansia, tensione nervosa e lo stress; favorisce un sonno riposante
Rinfrescante; migliora la chiarezza mentale, prontezza di riflessi, acuisce i sensi
Disinfettante
Ottimo per pelle Grassa, pelle infiammata, psoriasi, acne, eczema.
Da utilizzare anche per Indigestione, flatulenza, il raffreddore, l’influenza, l’ansia, la depressione.
Repellente per Insetti.

Analgesico, antielmintico, antidepressivo, antisettico, antispasmodico, antistress, antitossico, calmativo, carminativo, cicatrizzante, deodorante, digestivo, espettorante, febbrifugo, insetticida, lassativo, parasiticida, rinfrescante, sedativo, stomachico, tonico, energizzante, vermifugo

Avvertimenti e controindicazioni

Attenzione: le Persone con pelle sensibile o secca devono usare più olio vettore quando utilizzano l’olio essenziale sulla pelle. Il bergamotto è fototossico. Evitare l’esposizione alla luce diretta del sole per diverse ore dopo l’applicazione di olio sulla pelle.

Esempi di usi dell’olio essenziale di bergamotto

Potete unirlo agli oli essenziali di pepe nero, vetiver, lavanda, geranio, rosmarino e ylang ylang. Usate sempre un olio vettore se intendete metterlo direttamente sulla pelle.

Per dormire bene tutta la notte mischiate un paio di gocce di bergamotto con un olio vettore e massaggiatevi i piedi con questa miscela prima di andare a letto.

Si dice anche che una miscela di 2 parti olio essenziale di bergamotto e 1 parte olio essenziale di pepe nero sia ottima per chi vuole smettere di fumare

Altri oli essenziali da scoprire

olio essenziale di cannella

Olio essenziale di cannella; cose da sapere e quando usarlo

Conosciamo tutti questa spezia per dolci e bevande ma esiste anche un olio essenziale di cannella utile in diverse occasioni …

0 comments
olio essenziale di legno di cedro

Olio essenziale di legno di cedro; come usarlo e a cosa serve

L’olio essenziale di legno di cedro, sicuramente il mio preferito contro le tarme. Ora adoro anche l’aroma.  Storia e enformazione …

0 comments
olio essenziale dell'albero del tè

Olio essenziale dell’albero del tè (tea tree), a cosa serve e come usarlo

Indubbiamente l’olio essenziale dell’albero del tè  è da tenere in casa date le sue forti proprietà antisettiche antivirali. Ottimo anche …

0 comments
olio essenziale di petitgrain

Olio essenziale di petitgrain; a cosa serve e come usarlo

L’olio essenziale di petitgrain è ottenuto dalle foglie e dai ramoscelli. Molto simile all’olio di neroli ma generalmente meno costoso. …

0 comments
olio essenziale di benzoino

Olio essenziale di benzoino; come usarlo e a cosa serve

Forse non conoscete l’olio essenziale di benzoino, assomiglia alla vaniglia come aroma ed è utile in caso di raffreddore e …

0 comments
olio essenziale di patchouli

Olio essenziale di patchouli; a cosa serve e come usarlo

L’olio essenziale di patchouli era il profumo preferito degli hippies, ma ha una lunga storia sia come medicinale che come profumo. 

Storia ed Informazioni dell’olio essenziale di patchouli

Il patchouli è originario dell’Asia. La pianta cresce fino ad un’altezza di circa 1 metro,  ha foglie oblunghe  viola o di color lavanda. La pianta del patchouli deve essere in pieno sole per mantenere la propria fragranza
Gli Arabi usavano patchouli per respingere le pulci e i pidocchi dai loro letti 
Nelle Filippine, l’infuso delle foglie viene consigliato per i crampi mestruali.
In Asia il patchouli è utilizzato contro i morsi di serpente, come un repellente per insetti, per dolori mestruali, raffreddori  nausea, crampi addominali e anche per i mal di testa.
Se andiamo invece in America Latina, le foglie di tè venivano dati per l’influenza, il raffreddore e congestione.
In India, il patchouli era anche utilizzato per profumare gli inchiostri.

L’olio essenziale di patchouli viene anche usato per la gomma da masticare, prodotti da forno, caramelle e bevande.

 

Usi Pratici dell’olio essenziale di patchouli

Non usatelo prima di andare a letto, non vi farà dormire. Rende di umore euforico, famoso anche come afrodisiaco. Viene anche usato contro lo stress e la depressione e anche le vene varicose e le emorroidi. 
Buono per far guarire ferite e lesioni della pelle. Buono per pelle grassa, pelle screpolata, acne, ruga, eczema e dermatite.
Un fissativo per mantenere il profumo di un profumo
Utilizza per la Cura del Corpo: la pelle Screpolata, pelle grassa, acne, rughe, eczema, dermatite

Proprietà documentate dell’olio essenziale di patchouli

Alterativo, analgesico, antibatterico, antidepressivo, antiemetico, antimicotico, anti-infiammatori, antiflogistico, antisettico, antistress, antitossico, antivirale, afrodisiaco, astringente (forte), calmativo, carminativo, cicatrizzante (forte), decongestionante, deodorante, diaforetico, digestivo, diuretico, febbrifugo, fissativo, repellente per insetti insetticida, lassativo, nervino, parassiticida, rigeneratore della pelle , stimolante ,  tonico
Principali Componenti Chimici: Sesquiterpeni e alcoli
Potete usare l’olio  con la lampada, bagno, inalatore, lampadina, anello, massaggi, saponi e candele. Esiste anche una versione acrilica, chiaramente senza le proprietà teraupetiche.
Si mescola bene con: arancia dolce, lavanda, rosa, neroli e  geranio
Oli alternativi: la Mirra
Metodo di Estrazione: distillazione in corrente di vapore, l’olio essenziale è ottenuto dalle foglie.
Caratteristiche dell’olio essenziale: di color ambra scuro o arancione. L’olio essenziale è denso e viscoso in natura. Ha un’ aroma ricco e dolciastro che migliora con l’età
Il colore dell’olio essenziale è determinato dal tipo di metallo utilizzato nel processo di distillazione. Se l’olio è prodotto in un contenitore di acciaio inox, il colore dell’olio sarà chiaro. Se l’olio viene distillato in un vaso di ferro, il colore sarà più scuro a causa del ferro che contamina l’olio. Le foglie contengono circa il 2,5% di olio essenziale. L’olio migliora con l’età, diventando più dolce e più mite, e la più matura.

Avvertenze e contraindicazioni

Non si conoscono controindicazioni generali per uso aromaterapia. Fare comunque attenzione e fate un test per l’allergia se applicato sulla pelle. Diluitelo sempre in un olio vettore.

Altri oli essenziali da scoprire

OLIO ESSENZIALE DI EUCALIPTO

Olio essenziale di eucalipto; a cosa serve e come usarlo

Nome botanico: Eucalyptus immersioni, eucalyptus globulus (Eucalipto), Eucaliptu macarthurii, Eucaliptus polybractea , Eucaliptus radiata, Eucalipus sideroxylon, Eucaliptus smithii Famiglia: Myrtaceae …

0 comments
olio essenziale di chiodi di garofano

Olio essenziale di chiodi di garofano, a cosa serve e come usarlo

L’olio essenziale di chiodi di garofano è ottenuto dalle gemme, anche se non un olio che dovete assolutamente avere, ha …

0 comments

Olio essenziale di betulla, a cosa serve e come si usa

L’olio essenziale di betulla non è tra i più conosciuti ma ha diverse proprietà che lo rendono utile, inoltre ultimamente …

0 comments
OLIO ESSENZIALE DI POMPELMO

Olio essenziale di pompelmo; a cosa serve e come si usa

L’olio essenziale di pompelmo, uno dei tanti oli che provengono da agrumi. Non i più potenti dal punto di vista medicinale ma sicuramente tra i più profumati. L’olio essenziale è ottenuto dalla buccia del frutto.
Nome botanico: Citrus paradisi

Storia e informazione dell’olio essenziale di pompelmo

Il Pompelmo è un albero di agrumi sempreverde che cresce fino ad un’altezza di circa 9-15 metri e ha fiori bianchi profumati che diventano i grandi frutti gialli che conosciamo tutti.
La prima volta che si sentì parlare di pompelmo in Europa era nel 1600 e fu trovato in India. Si pensa che fosse una mutazione genetica del pomelo, un agrume cinese da cui si dice provengano quasi tutti gli altri agrumi. Ora viene coltivato prevalentemente in California, Florida, e Brasile
La buccia contiene un componente molto amaro chiamato naringina, che viene utilizzato come aromatizzante in cioccolato e tonico amaro per le bevande.  L’olio dei semi può essere utilizzato in insalate e come olio da cucina dopo che si è raffinato per estrarre il sapore amaro. 
Ci sono anche versioni rosa e rosse di pompelmo.

Usi pratici dell’olio essenziale di pompelmo

Si usa nei casi di raffreddori e  contro lo stress ma è particolarmente famoso per il suo uso per combattere la cellulite. Si usa anche in casi di acne e pelle grassa.
É anche energetico e risveglia velocemente, serve anche a migliorare la chiarezza mentale, usatelo per studiare.
Antibatterico, antidepressivo, antisettico, antistress, antitossico, aperitivo,  astringente, bilanciante, cefalico, depurativo, disintossicante, digestivo, disinfettante, diuretico, emostatico, risolutivo, ristoratore, o stimolante digestivo e linfatico, , tonico  per il fegato e  tonificante per la pelle
Potete usarlo nel bagno, diffusore, inalatore, lampadina, massaggi e spruzzato
Attenzione: le persone con pelle sensibile o secca possono richiedere ulteriori olio vettore quando utilizzano l’olio essenziale sulla pelle. Utilizzare piccole quantità. Pompelmo è fototossico, ovvero evitate l’esposizione alla luce diretta del sole per diverse ore dopo l’applicazione dell’olio essenziale di pompelmo sulla pelle. Ha una vita breve e diventa rapidamente rancido.
Si mescola Bene con: Limone, cipresso, geranio, lavanda. L’olio ha un dolce aroma di agrumi e un colore giallo pallido o verdino.
Principali Componenti Chimici dell’Olio Essenziale: Monoterpeni che sarebbe limonene

Altri oli essenziali da scoprire

Come fare una tintura di erbe in casa

Se usi erbe medicinali ti può capitare di aver bisogno di una tintura. Uno dei tanti vantaggi di una tintura …

0 comments
olio essenziale di citronella

Olio essenziale di citronella; a cosa serve e come usarlo

L’olio essenziale di citronella non viene da un agrume ma da un’erba asiatica che profuma effettivamente di limone. Nome botanico: …

0 comments
olio essenziale di origano

Olio essenziale di origano; cose da sapere e come usarlo

L’ olio essenziale di origano è ottenuto dalla pianta in fiore. Nome botanico: Origanum vulgare Famiglia: Lamiaceae Storia e Informazione …

0 comments