Olio essenziale di salvia; cose da sapere e come usarlo

Nome botanico: Salvia sclarea
Famiglia: Lamiaceae
L’olio essenziale di salvia è ottenuto dalle punte dei fiori.

Storia e informazione sulla salvia

La salvia sclarea è originaria dell’Europa. La pianta cresce fino ad un’altezza di circa 1 metro e ha fiori che sono di colore rosa, bianco o blu, a seconda della varietà.
Nel 1500, la salvia sclarea era coltivata in Europa, soprattutto per la produzione di birra e l’aggiunta di vino per renderlo più inebriante.
La salvia  è nota per contenere un ormone simile agli estrogeni, che è utile per aiutare le donne con problemi sessuali, disturbi mestruali, tensione premestruale.
Cresce naturalmente nella zona del mediterraneo
L’olio viene ottenuto con la distillazione dai fiori e è solitamente abbastanza incolore.

Proprietà mediche dell’olio essenziale di salvia

Migliora la digestione
Calmante, riduce lo stress, allevia la tensione; favorisce un sonno riposante
Migliora l’umore, afrodisiaco; aumenta la resistenza sessuale
Allevia i dolori e i crampi mestruali; regola il sistema riproduttivo femminile

Proprietà dell’olio 
Analgesico, anticonvulsivo, antidepressivo, antinfiammatorio, antisettico, antispasmodico, antistress, antisudorifico, afrodisiaco, astringente, balsamico, calmante, carminativo, deodorante, digestivo, emmenagogo, emolliente, estrogenico, euforizzante, fissativo,  nervino, rinfrescante, rilassante, rigeneratore , sedativo, stimolante (delle contrazioni uterine), tonico, tonificante, edificante, riscaldante
olio essenziale di salviaCaratteristiche dell’olio essenziale: Di colore pallido con un forte aroma d’erba
I principali componenti dell’olio essenziale di salvia sono esteri e alcoli.

L’olio si usa nei massaggi, nella vasca da bagno, nel diffusore o per inalazione

Potete mischiarlo alla lavanda, geranio, oli essenziali di agrumi, legno di cedro e menta piperita.

Precauzioni quando usate l’olio essenziale di salvia

Attenzione: a Causa di un effetto rilassante dell’olio essenziale di salvia sclarea, non dovrebbe essere usato prima di mettersi alla guida o fare qualcosa che richiede attenzione. . Utilizzare solo in piccole quantità.

Evitare l’uso in gravidanza. Evitare l’uso di alcol in quanto può indurre un effetto narcotico e aumento di ubriachezza.
Non usare se affetti da endometriosi, cisti all’utero o alle ovarie o un tumore al seno.
Usare in piccoli dosi per il suo effetto narcotico. Può anche causare mal di testa in certi casi.
Prima di usarlo, fare un test sulla pelle (nella parte interna del gomito) per controllare se avete una reazione allergica. Per fare il test mettete un paio di gocce di olio di salvia in un cucchiaino di olio vettore, aspettare 24 ore per vedere se si hanno reazioni

Esempi di uso dell’olio essenziale di salvia

Mettere 50 gocce di olio di salvia in un flacone di 250ml di sapone liquido o gel per doccia inodore per fare una lozione rilassante per bagno e doccia

Mettere 12 gocce di olio nella vasca da bagno per calmare dolori e abbassare la pressione
20 gocce di olio  di salvia in 100 ml di acqua distillata per avere un tonico ottimo per combattere l’acne
50 gocce di olio essenziale di salvia in un flacone contenente 250 ml di shampoo inodore per fare uno shampoo rilassante e che stimola la crescita dei capelli

Depressione

Se vi sentite un po’ giù di morale provate a diffondere nell’aria quattro gocce di olio di salvia!

Pressione alta

4 gocce di olio diluite in olio vettore e messe nel vostro bagno caldo  dovrebbe aiutarvi a far abbassare la pressione. Ovviamente andate anche dal medico.

Indigestione

4 gocce di olio diluite in un cucchiaio di olio vettore di vostra scelta. Massaggiatele sull’addome in senso orario.

Insonnia

Due gocce di olio di salvia sul cuscino dovrebbero bastare per farvi passare una notte riposante. Potete anche spargere due gocce di lavanda per dormire anche meglio!

Capelli grassi

L’olio di salvia riesce a controllare la produzione di sebo nello scalpo e quindi serve se avete i capelli grassi. Mettete 4 gocce di olio nel vostro balsamo e lasciate la miscela nei capelli per 10 minuti. Risciacquare bene come al solito.

Circolazione sanguigna

4 gocce di olio di salvia in un cucchiaio di olio vettore messi nel bagno dovrebbero migliorare la vostra circolazione sanguigna

Menopausa

Questo olio essenziale aiuta a combattere alcuni dei sintomi della menopausa come la depressione e il gonfiore addominale, potete usare le solite 4 gocce con olio vettore nel bagno o per massaggiare i piedi.

Altri articoli da leggere:

olio essenziale di benzoino

Olio essenziale di benzoino; come usarlo e a cosa serve

Forse non conoscete l’olio essenziale di benzoino, assomiglia alla vaniglia come aroma ed è utile in caso di raffreddore e …

0 comments
olio essenziale di legno di cedro

Olio essenziale di legno di cedro; come usarlo e a cosa serve

L’olio essenziale di legno di cedro, sicuramente il mio preferito contro le tarme. Ora adoro anche l’aroma.  Storia e enformazione …

0 comments
olio essenziale di incenso

Olio essenziale di incenso; a cosa serve e come usarlo

L’olio essenziale di incenso, insieme alla mirra ci ricorda dei tre magi, era infatti uno dei tre doni che portarono …

0 comments
OLIO essenziale di canfora

Olio essenziale di canfora; cose da sapere e come usarlo

L’olio essenziale di canfora è ottenuto dal legno dell’albero. Ha un aroma molto forte e facilmente riconoscibile. Nome botanico: Cinnamomum …

0 comments
olio essenziale di mirra

Olio essenziale di mirra; i suoi benefici e come usarlo

L’olio essenziale di mirra proviene da una resina di un albero che cresce in Somalia e altre regioni del nord …

0 comments

 

 

OLIO ESSENZIALE DI LAVANDA

Olio essenziale di lavanda; a cosa serve e come si usa?

L’olio essenziale di lavanda è il principe degli oli da avere assolutamente. Serve a risolvere tanti problemi quotidiani e poi ha un profumo meraviglioso. 

Nome botanico: Lavandula angustifolia, Lavandula officinalis, Lavandula vera (Lavanda); Lavandula latifolia, Lavandula spica
Famiglia: Lamiaceae
L’olio essenziale ed estratto provengono dai fiori spesso tramite distillazione
Pianta nativa della regione Mediterranea, ma ora si trova in quasi tutti gli angoli del mondo.
Si tratta di un erba sempreverde con fiori blu violetto in primavera e in estate. Cresce fino a tre metri di altezza. Ha foglie lunghe e strette e fiori in spighe.

Storia e informazione generale della lavanda

 La pianta cresce fino ad un’altezza di circa 90-100 cm. e ha fiori di colore lilla. Ci sono ventotto specie diverse di lavanda.
La lavanda è considerata essere una delle più utili e versatili essenze a scopi terapeutici. Gli erboristi usano da secoli l’olio essenziale per il mal di testa, perdita di coscienza, e crampi. La lavanda è rilassante, addirittura viene usata per domare leoni o tigri (non provatelo!).
La lavanda è anche famosa per essere un potente antidoto in casi di avvelenamento, si dice abbia proprietà che iniziano a neutralizzare il veleno di un serpente o puntura d’insetto immediatamente. In caso di morso di vipera o altri serpenti velenosi cercate subito di trovare un medico, non limitatevi ad applicare la lavanda!
La lavanda viene utilizzata per profumare saponi, detergenti, lozioni e profumi.

Cosa sapete sulla lavanda selvatica?

La lavanda selvatica (Lavandula angustifolia), una pianta con foglie più strette, produce un ottimo olio, ed è considerata avere più proprietà curative di ogni altro tipo di lavanda. L’olio della varietà selvatica, tuttavia, è pressoché scomparso dal mercato, perché non facile da produrre. Nativa delle montagne del sud della Francia, le Isole Canarie, e la Persia, la lavanda selvatica cresce su terreni rocciosi, pendii, dove poche altre piante sono in grado di sopravvivere al caldo intenso dell’estate e il freddo dell’inverno. Per fare l’olio la pianta deve essere raccolta nel periodo più caldo del giorno quando ha maggiore olio essenziale.
Per uso commerciale, le specie di lavanda con il rendimento più elevato  vengono coltivate e rappresentano la maggior parte del vero olio di lavanda disponibile oggi.

Le proprietà calmanti della lavanda

olio essenziale di lavanda

Da secoli la lavanda è stata riconosciuta e apprezzata per le sue qualità calmanti. Era comunemente usata dai classici Greci e Romani, che profumavano la loro acqua  con lavanda, bruciavano incenso alla lavanda per placare la loro divinità irata, e credevano che il profumo di lavanda fosse benefico per domare leoni e tigri.

Anche al giorno d’oggi, molte donne del Nord Africa si profumano di lavanda, credendo che ciò possa aiutare a calmare i loro mariti. Sin dal 1100 (almeno dai documenti sopravvissuti soprattutto quelli trovati in monasteri e conventi) si sapeva che la lavanda era buona contro i mal di testa, spasmi, vertigini e coliche. Addirittura anche allora consigliavano di fare gargarismi con la lavanda per la gola e la perdita di voce.

Gattefossé, il padre della moderna aromaterapia, sperimentò con olio di lavanda nel 1910. Lo trovò utile per il mente, i nervi, la paralisi, letargia, reumatismi, per calmare la pelle e i muscoli, utile per il trattamento di raffreddore e influenza, e abbastanza sicuro da usare anche per bambini e donne in gravidanza.
Il suo potere di guarigione è dovuto ad una complessa varietà di costituenti chimici (160 diversi componenti sono stati individuate nell’olio).

Proprietà mediche dell’olio essenziale di lavanda

La lavanda
Alcune di queste proprietà sono ufficialmente riconosciute, mentre per altre non ci sono ancora risultati sufficienti per poter dire con sicurezza se la lavanda ha veramente queste proprietà. Come in tutti i casi, utilizzate l’olio essenziale di lavanda per mitigare problemi minori fisici e psicologici,ma recatevi da un medico se i sintomi continuano. Non contate su nessun olio essenziale per curare malattie serie. 
L’olio essenziale di lavanda è incolore o giallo pallido. Ha un dolce, profumo floreale con un sottofondo legnoso
I componenti chimici principali sono alcoli ed esteri; la percentuale varia a seconda delle specie e chemotipo
Migliora la digestione, buono per l’intestino
Purificante, aiuta nella riduzione della cellulite
Calmante e rafforza i nervi e rilassa i muscoli, riduce la tensione; favorisce un sonno riposante, viene usato contro l’insonnia
I vapori aiutano ad aprire le vie respiratorie
Riduce i dolori; aiuta anche se soffrite di  ritenzione di liquidi
Disinfettante
Respinge gli insetti, uccide parassiti e pidocchi
Facilita la guarigione per la pelle, lividi, tagli, ferite, ustioni, scottature, cicatrici, ferite, punture di insetti, e le lesioniate. Viene anche usato per pelle secca, pelle grassa, per la cura delle unghie, eczema, dermatiti e acne.
Analgesico, antibatterico, anticonvulsivo, antidepressivo o, antimicotico, antinfiammatorio, antireumatico, antisettico, antispasmodico, antistress, antitossico,  antivirale,  calmante, carminativo, cefalico,  cicatrizzante,  decongestionante, deodorante, disintossicante, diuretico, emmenagogo, aiuta la guarigione della pelle,  repellente per insetti, nervino, parasiticida, rigeneratore (della pelle),  sedativo , stimolante (vie respiratorie),  sudorifero, tonico, vermifugo

Modalità di Utilizzo dell’olio essenziale di lavanda

Si mescola bene con bergamotto, geranio, salvia e rosmarino.  La lavanda mescolato a con eucalipto e geranio è stimolante per il sistema immunitario. L’olio di lavanda, per l’applicazione di qualsiasi infiammazione, dovrebbe sempre essere diluita in un 1 per cento di concentrazione d’acqua.

Che cosa è la lavandina?

La lavandina (Lavandula x intermedia) è un ibrido di lavanda che  è spesso venduto come olio di lavanda. Anche se il suo uso, le proprietà e gli usi sono simili a quelli di lavanda, spesso ha una percentuale più alta di canfora, e quindi un odore meno piacevole.

É anche meno calmante della lavanda. Come alternativa alla lavanda, la lavandina è utile come inalazione per il raffreddore e congestione, messa nell’acqua del bagno o come olio da massaggio per dolori muscolari e rigidità, o per qualsiasi condizione per la quale la lavanda e la canfora sono indicati.

Esempi di uso dell’olio essenziale di lavanda

Mescolata con la camomilla, bergamotto e neroli, e diluiti in un olio vettore, la lavanda è utile per il trattamento di eczema e psoriasi. Un paio di gocce di olio di lavanda mescolato con l’olio di rosmarino o basilico e spazzolato nei capelli favorisce una sana crescita.
Aggiungere da 5 a 20 gocce di olio di lavanda per una vasca di acqua per un bagno rilassante. Per una sensazione di freschezza e pulito quando si è accaldati e stanchi, pulire il viso e collo con un paio di gocce di lavanda su un panno umido.

Usare l’acqua di lavanda?

Con un nome che deriva  dal latino per lavare, la lavanda è l’olio migliore per il bagno. È una scelta eccellente per i capelli, cuoio capelluto, e per la cura della pelle, come olio da bagno e doccia. Una goccia di lavanda in una tazza (235 ml) di acqua produce un’acqua di lavanda antisettica (da non confondere con la lavanda acrilica, un sottoprodotto della distillazione) che è emolliente e detergente per ferite o acne. L’acqua di lavanda può essere utilizzata come  lavaggio per occhi gonfi, lividi, morsi e altri di minore entità piaghe, e come i capelli di risciacquo per ridurre l’untuosità.

Precauzioni e possibili effetti collaterali

Uno degli oli essenziali più sicuri ma usare sempre con attenzione,  preferibile diluire se usato sulla pelle.

Uno dei più utilizzati oli essenziali. Gentile e non irritante nella maggior parte dei casi.
Introduzione all’aromaterapia deve iniziare con olio di lavanda. Semplice e sicuro da usare, la lavanda è tra i più versatili di tutti gli oli essenziali.

Bergamotto e pressione alta, come usarlo e funziona veramente?

Troverete spesso dire che l’olio essenziale di bergamotto sia buono per abbassare la pressione alta? Sarà vero? Ci sono un …

0 comments
olio essenziale di lime

Olio essenziale di lime; proprietà e cose da sapere

L’olio essenziale di lime non è tra gli oli che si devono per forza avere ma ha un ottimo profumo, oltre …

0 comments
OLIO ESSENZIALE DI SEMI DI CAROTA

Olio essenziale di semi di carota, a cosa serve e come si usa

Un altro olio non proprio molto conosciuto ma viene usato spesso per il suo effetto rigenerante. L’olio essenziale di semi …

0 comments
olio essenziale per l'insonnia

Migliore olio essenziale per l’insonnia, quale sarebbe?

Che brutta l’insonnia, sia quando non si riesce a dormire dall’inizio o ci si sveglia alle due del mattino e non riesce a riprendere sonno. Non vogliamo nemmeno riempirci di pillole per dormire, ma esiste un olio essenziale per l’insonnia?

Si e in effetti ne esistono diversi. Bisogna premettere che non hanno l’effetto dei sonniferi farmaceutici, ma possono decisamente aiutare a dormire. Soprattutto se fate un bel bagno caldo prima di andare a letto, possibilmente con alcune gocce di uno di questi oli. Un altro metodo è indubbiamente il diffusore da accendere prima di dormire oppure fare un massaggio dei polsi, collo e nuca e piante dei piedi con il vostro olio insieme all’olio vettore di vostra scelta.

sleeping

L’olio essenziale per l’insonnia che conoscono tutti è sicuramente la lavanda. Questo olio ha proprietà contro l’ansia e vi aiuta a rilassarvi, è proprio l’ansia a volte che ci tiene svegli.

Un’altro olio da considerare se potete permettervelo è la camomilla soprattutto quella romana. Dovreste conoscere le proprietà della camomilla che aiuta a rilassarsi e a dormire.

Altri oli da considerare sono:

benzoino dal buon profumo di vaniglia aiuta a rilassarsi e funziona bene contro l’ansia, ha anche proprietà sedative.,

vetiver rilassa la mente ma un aroma che non piace a tutti, potete comunque mischiarlo ad altri oli

maggiorana, se decidete di usare questo olio scegliete la maggiorana dolce che ha maggiori proprietà sedative.

legno di cedro,  un altro olio rilassante che vi aiuta a “spegnere il cervello”

e incenso che aiuta a rilassarsi e ha proprietà sedative.

Non dovete scegliere un solo olio essenziale per l’insonnia, potete fare una miscela di vostro gradimento. Gli oli elencati sopra sono i migliori da usare e alcuni si mischiano bene insieme. Non usate altri oli come la menta piperita che invece vi tiene svegli.

Un buona miscela è lavanda e legno di cedro, due gocce di ciascuno in olio vettore e massaggiato sul collo e piedi. Oppure qualche goccia di entrambi sul cuscino o nella vasca da bagno.

 

olio essenziale di maggiorana

Olio essenziale di maggiorana; a cosa serve e come usarlo

Un ‘erba familiare in cucina ma che ha anche proprietà mediche. L’ olio essenziale di maggiorana,
anche se non tra i più usati, ha proprietà interessanti e un buon aroma.

Provatelo mischiato all’olio essenziale di limone o arancia in un diffusore per profumare la stanza. 

Descrizione dell’olio essenziale di maggiorana

Nome botanico: Origanum marjorana.
Si mescola Bene con: Lavanda, geranio,cipresso, eucalipto, pepe nero, legno di cedro e tutti gli oli essenziali di agrumi
Oli alternativi: Neroli (Citrus aurantium var. amara), di rosa (Rosa damascena), tea tree (Melaleuca alternifolia)
Metodo di Estrazione: distillazione in corrente di Vapore della fioritura di erbe (essiccate)
La pianta era originaria della regione del Mediterraneo e del nord Africa. È coltivata  ora in molti paesi, compresi gli Stati Uniti. Una pianta perenne o annuale, che cresce fino a due metri di altezza. Ha foglie verdi e piccoli fiori bianche ed è molto profumata.
L’olio essenziale di maggiorana è di colore giallo dal pallido al color ambra a secondo il tipo di pianta. Le piante che crescono in posti caldi hanno anche un’aroma  con note di canfora e mentola.
Principali Componenti Chimici dell’Olio Essenziale: Alcoli e monoterpeni

Principali proprietà terapeutiche dell’olio essenziale di maggiorana

: Analgesico, antisettico, antivirale, antibatterico, anti-infettivi, espettorante, sedativo, emmenagogo
Viene usato per minimizzare i lividi, in casi artrite e dolori muscolari, asma, bronchite e disturbi respiratori. Forte espettorante e buono contro il catarro.  Molti ritengono questo olio utile anche per casi di stress, depressione e insonnia. Alcune donne giurano che trovano sollievo dai dolori mestruali se usano questo olio.
Viene anche usato contro i dolori muscolari, crampi e spasmi. Ma sono le sue proprietà anti batteriche e anti virali che lo rendono un olio particolarmente utile.

Origanum majorana

coltivata per alimentare l’industria delle essenze con l'”Olio essenziale di maggiorana” usato nella produzione dei saponi, per profumare carni insaccate
Modalità di Utilizzo: oli da Massaggio, diffusori, viene anche usato in saponi e lozioni per la pelle, spray, prodotti per il bagno e sali e anche candele
Attenzione: Evitare durante la gravidanza. Come sempre fare un test sulla pelle prima di usarlo per massaggi e diluitelo bene in olio vettore. Non usatelo per massaggiare bambini.  Non confondere la maggiorana (Origanum marjorana) con l’origano comune (Origanum vulgare), che è a volte indicato come maggiorana. Inoltre, spagnolo maggiorana (Timo mastichina) non è  la maggiorana. L’origano ha componenti chimici diversi dalla  maggiorana. Ma un italiano dovrebbe distinguerli facilmente dall’aroma.
Mettete due gocce di maggiorana in un cucchiaio da tavola di olio vettore. Il massaggio serve a rilassare i muscoli del collo e a prevenire il mal di testa.
OLIO ESSENZIALE DI legno di sandalo

Olio essenziale di sandalo; proprietà, benefici e come usarlo

L’olio essenziale di sandalo (o di legno di sandalo) ha un profumo molto piacevole e spesso usato in cosmetici e …

0 comments
olio essenziale di chiodi di garofano

Olio essenziale di chiodi di garofano, a cosa serve e come usarlo

L’olio essenziale di chiodi di garofano è ottenuto dalle gemme, anche se non un olio che dovete assolutamente avere, ha …

0 comments
olio essenziale di legno di cedro

Olio essenziale di legno di cedro; come usarlo e a cosa serve

L’olio essenziale di legno di cedro, sicuramente il mio preferito contro le tarme. Ora adoro anche l’aroma.  Storia e enformazione …

0 comments
olio essenziale di mirra

Olio essenziale di mirra; i suoi benefici e come usarlo

L’olio essenziale di mirra proviene da una resina di un albero che cresce in Somalia e altre regioni del nord …

0 comments
olio essenziale di cajeput

Olio essenziale di cajeput; a che serve e come usarlo?

L’Australia offre molto al mondo dell’aromaterapia, non solo il tea tree o l’eucalipto ma anche l’olio essenziale di cajeput. Nome …

0 comments
olio essenziale di basilico

Olio essenziale di basilico; i suoi benefici e come usarlo

Non tra gli oli maggiormente usati, se avete solo 3-4 oli non vi serve assolutamente l’olio essenziale di basilico, ma un olio che ha comunque diversi benefici. Come sempre, leggete bene le contraindicazioni prima di usare questo olio e per questioni mediche serie consultate sempre il vostro medico di fiducia. 

Storia e informazione generale sull’olio essenziale di basilico

Nome botanico: Ocimum basilicum
Famiglia: Lamiaceae
L’olio essenziale è ottenuto dalla pianta intera.Il Co2 è l’estratto ottenuto dalle foglie. Ha un profumo sul dolce ma anche speziato ed è un’erba usata in tante cucine, come noi italiani sappiamo benissimo.

ll basilico è originario dall’Africa e dell’Asia. La folta pianta,  sempreverde in climi caldi, cresce fino ad un’altezza di circa 50 cm. e ha fiori di colori diversi che possono andare dal al bianco, al blu, e persino il viola. Esistono circa 150 varietà di basilico!

Il basilico è stato usato da tempi immemori e in tante culture diverse sia come erba medicinale o per dare sapore ai cibi, per esempio, corone di basilico sono state trovate nelle tombe delle antiche piramidi dell’Egitto. In tempi antichi i re venivano unti con olio di basilico.

Photo by Marko Blažević on Unsplash

In certe parti del Mediterraneo, il basilico significa amore. Tradizionalmente, le donne mettevano un vaso di basilico fuori dalla loro finestra quando cercavano marito.

In certe parti dell’Asia il basilico veniva usato per estrarre il veleno da punture di insetti o anche morsi di serpenti. Veniva applicato direttamente sulla pelle. Mentre in Africa e Sud America il basilico è stato usato per eliminare i parassiti intestinali.

Nella medicina cinese, l’erba è usata come rimedio per problemi di stomaco e di reni.

In India, gli Indù considerano basilico, il più sacro di tutte le piante. Piantavano l’erba intorno a loro templi, tombe e case. Nella medicina Ayurvedica, la pianta è utilizzato contro morsi di serpente, problemi della pelle e come tonico. Nelle ricette di medicina indiana viene solitamente chiamato tulsi.

Nei paesi arabi, un tè fatto con il basilico è utilizzato per i crampi mestruali.

L’olio dovrebbe essere chiaro e liquido. Lo potete mischiare bene con bergamotto, lime, salvia, geranio, lavanda, pepe nero, legno di cedro, mandarino, menta peperito, limone, pompelmo, arancio e citronella.

Dovrebbe essere composto da linalolo al 45% circa ed estrapolo meno del 25%. Sono  entrambi principi attivi e con proprietà (e in alcuni casi controindicazioni) provate scientificamente.

Proprietà mediche del basilico

Ci sono diversi tipi di basilico, in questo caso parliamo soltanto del Ocimum basilicum quello generalmente usato in Europa chiamato anche basilico dolce. Altri tipi di basilico hanno proprietà diverse.

Abortivo, analgesico, antibatterico, antidepressivo, antisettico, antispasmodico, antistress, afrodisiaco, purificatore del sangue, carminativo, cefalico,  digestivo, emmenagogo, estrogenico, espettorante, febbrifugo, repellente per insetti, lassativo, nervino, rinfrescante, rigenerante, calmante, stimolante delle ghiandole surrenali, facilita il parto,  sudorifero, tonico (nervi), edificante, vermifugo, proprietà contro il veleno

Usi teraupetici dell’olio essenziale di basilico

Raffreddamento, bronchite e sinusite, sembra riesca ad ammorbidire il catarro
Migliora la digestione
Purificante, aiuta nella riduzione della cellulite
Calmante, riduce lo stress; favorisce un sonno riposante
Incoraggia a sognare; utile per la meditazione
Umore edificante; migliora la chiarezza mentale e la memoria, stimola i sensi
Diminuisce il dolore
Aumenta l’allattamento
Neutralizza le tossine dal morsi di insetto
Lenisce le punture di insetti
Buono contro i mal di testa e le emicranie, serve anche ad aprire le vie respiratorie
Si può usare contro il vomito

Precauzioni e possibili effetti collaterali

Attenzione: le Persone con pelle sensibile o secca, può richiedere una dose maggiore di olio vettore se applicate l’olio di basilico direttamente sulla pelle. Utilizzare sempre in piccole quantità.

Non usare l’olio essenziale di basilico se incinta, se state allattando o per bambini sotto i 16 anni

Non usare se avete problemi di fegato o soffrite di epilessia. Non usatelo se avete un tumore

Non usare in grandi dosi, il basilico contiene estrapolo, una sostanza ritenuta cancerogena

Fare una prova di allergia prima di usare questo olio. Mettere una goccia di basilico in un cucchiaino di olio vettore. Spalmare la miscela all’interno del gomito e controllare possibili reazioni.

Mentre certi consigliano di metterlo nell’acqua da bagno per rilassarsi e contro i dolori muscolari, il fatto che può irritare la pelle può essere un problema, si consiglia di fare la prova dell’allergia prima di usarlo in questo modo

Esempi dell’uso dell’olio essenziale di basilico

Acne
Mischiare tre gocce di olio essenziale di basilico con un cucchiaino di olio vettore e massaggiare sul viso una volta al giorno. Se mischiato a olio essenziale di arancia, i risultati dovrebbero essere anche migliori. Fate la prova dell’allergia prima di applicare sul viso

Amenorrea
4 gocce di olio essenziale di basilico in un cucchiaino di olio vettore spalmati sul basso addome e cosce per rendere più regolari le mestruazioni

Ansia
Diffondere nell’aria qualche goccia di olio per alleviare l’ansia. Il basilico contiene linalolo una sostanza che aiuta a ridurre lo stress

Indigestione
Se soffrite di indigestione e vi sentite gonfi provate tre gocce di olio in un cucchiaino di olio vettore. Massaggiatevi l’addome con questa miscela in senso orario una volta al giorno

Insonnia
Se siete agitati e non riuscite a dormire mettete due gocce di olio essenziale di basilico sul cuscino. Il basilico non è sedativo e non dovreste usarlo se non riuscite a dormire per motivi non nervosi. Serve solo a rilassarvi. Se volete un sedativo mettete anche qualche goccia di olio essenziale di lavanda sul cuscino. Questa ricetta è anche buona contro il mal di testa.

Sinusite

Qualche goccia di olio essenziale di basilico in un catino di acqua bollente dovrebbe aiutarvi se soffrite di sinusite. Respirate i vapori per circa dieci minuti.

Emicrania

Diffondere nell’aria un paio di gocce di olio di basilico. Le sue proprietà anti-stress e anagelsiche dovrebbero aiutarvi

Tosse e catarro

Un paio di gocce di olio di basilico, un paio di gocce di olio di eucalipto insieme ad un cucchiaino di olio vettore, spalmato sul petto e sotto il collo aiuta a respirare meglio

Crampi allo stomaco

Diluire 4 gocce di olio di basilico in un cucchiaio da tavola di olio vettore, massaggiare sullo stomaco in senso orario.

Alloro, usi medicinali di questa pianta

L’alloro è un arbusto perenne che arriva fino all’altezza di un albero ovvero quasi 10 metri. Le foglie molto verdi …

0 comments

Argille da usare per fare i cosmetici in casa

Ora molti vogliono farsi i prodotti di bellezza da soli, ci sono molti vantaggi: è divertente e sapete esattamente cosa …

0 comments

Come gli antichi egizi usavano le piante mediche

Tra tutte le antiche civiltà quella egizia è stata decisamente la prima della quale abbiamo una buona conoscenza di come …

0 comments
olio di enotera

Olio di enotera; a cosa serve e come si usa

A cosa serve l’olio di enotera e come dovrebbe essere usato? Proviene dai fiori dell’enagra (Oenothera biennis) chiamata anche comunemente …

0 comments
olio essenziale di finocchio

Olio essenziale di finocchio; benefici e come usarlo

L’olio essenziale  di finocchio con un profumo che ricorda molto l’anice, mi piace mischiato ad olio essenziale di agrumi e …

0 comments
19

 

 

 

 

 

OLIO ESSENZIALE DI legno di sandalo

Olio essenziale di sandalo; proprietà, benefici e come usarlo

L’olio essenziale di sandalo (o di legno di sandalo) ha un profumo molto piacevole e spesso usato in cosmetici e profumi e non solo per le sue proprietà teraupetiche. Usato molto anche per incensi ha un ottimo profumo legnoso ideale sia per uomini che per donne.

Nome botanico: Santalum album. Questo nome deve essere sulla bottiglietta, se cercate il vero olio essenziale di sandalo, ci sono infatti tante imitazioni in giro, come scoprirete leggendo questo articolo.

Informazione sulla pianta di sandalo

L’olio viene normalmente estratto con il vapore. La pianta proviene dall’Asia tropicale, purtroppo la specie Santalum album è elencata nella lista delle specie minacciate e vulnerabilie. Di conseguenza, molti  sono in cerca di un’alternativa, come per esempio santalum austrocaledonicum, che è chimicamente simile al Santalum album e cresce in Nuova Caledonia

Descrizione della Pianta: Si tratta di un albero sempreverde che cresce fino a trenta metri di altezza. Ha piccoli fiori rosa, una corteccia verde e foglie coriacee. L’olio essenziale viene estratto dall’albero quando raggiunge la maturità ad almeno trenta anni di età
Caratteristiche dell’ Olio Essenziale: Di colore giallo-marrone con un aroma legnoso e balsamico.
Principali Componenti Chimici dell’Olio Essenziale: Alcoli

Principali Proprietà Terapeutiche dell’Olio Essenziale: Antidepressivo, afrodisiaco, antibatterico, decongestionante, calmante, anti-infettivo e un tonico sessuale

Sandalo (essenza)

sandalo o legno di sandalo è un’essenza molto usata in profumeria. Il suo nome è dovuto alle piante del genere Santalum comunemente chiamate sandalo.

Modalità di Utilizzo dell’olio essenziale di sandalo (o di legno di sandalo)

Potete usare l’olio essenziale di sandalo in tanti modi, nel vostro diffusore, nella vasca da bagno, nei massaggi oppure fare i vostri prodotti in casa. Può essere usato in maschere per il viso fatte con prodotti naturali.

Buono in casi di  pelle secca ma anche acne. Viene anche usato contro le rughe e smagliature.

L’olio di legno sandalo è anche indicato per i capelli secchi
Può aiutare in casi insonnia, stress, sciatica, bronchite e tosse

Generalmente buono contro la tensione nervosa
Importante antisettico per le vie urinarie
Buono contro le tossi che non vanno via e le bronchiti croniche, in questi casi, inalare o massaggiare sul petto
Calmante se ansiosi e migliora l’umore generalmente, se siete stanchi e nervosi fatevi fare un bel massaggio con l’olio essenziale di sandalo. Sembra sia anche efficace per i problemi di memoria.
Astringente. Viene anche usato per le vene varicose

 

Si mescola bene con: chiodi di garofano, mirra, lavanda, bergamotto, ylang ylang, rosa e vetiver

 

Avvertenze e controindicazioni dell’ olio essenziale di sandalo

olio essenziale di sandalo

Attenzione: Non si conoscono controindicazioni in generale per uso aromaterapia.
Evitare di usare l’olio essenziale  di sandalo per persone bipolari e non usare in casi seri di depressione clinica. Serve a migliorare l’umore, ma non è una cura per malattie mentali.

Evitare nei prime tre mesi di gravidanza e non usate per i bambini sotto i 12 anni. Se non avete mai usato l’olio essenziale di sandalo prima e volete usarlo sulla pelle, fate prima un test per vedere se siete allergici. Mettete una goccia di olio essenziale in un cucchiaino di olio vettore e spalmatelo all’interno del gomito in una zona grossa come una moneta. Se dopo 24 ore la zona non è arrossata o mostra altri sintomi di allergia, potete procedere all’uso.

Se usate l’olio essenziale di sandalo direttamente sulla pelle diluitelo sempre in olio vettore di vostra scelta. 1 goccia di olio essenziale per 5ml di olio vettore se anziani o avete problemi di salute e 2 gocce per 5ml se siete adulti in buona salute.

Conservare in una bottiglietta di vetro scuro (blu o color ambra) e tenere in un posto fresco e non direttamente alla luce del sole. Tenere lontano da bambini e animali, usate le stesse precauzioni che usereste con qualsiasi altra medicina. Un olio essenziale di buona qualità non dovrebbe mai scadere.

L’olio essenziale di sandalo viene estratto da piante che devono avere almeno 30 anni quindi non può essere molto economico. Diffidate di fornitori che vendono questo olio essenziale allo stesso prezzo dell’olio di lavanda o di limone. Se l’olio è autentico ci deve essere una differenza di prezzo.

Sandalo o Amyris?

Molti fornitori vendono olio essenziale di sandalo a buon prezzo ma se guardate la bottiglia si tratta di Amyris Balsamifera e non Santalum Album. Questo albero è un agrume che cresce principalmente nella zona dei Caraibi (si dice sia stato scoperto da Cristoforo Colombo) e non è nemmeno imparentato al sandalo ma ha un profumo molto simile.

Anche se non sandalo potete usarlo per le sue proprietà teraupetiche che sono buone per la pelle, i dolori muscolari, bronchiti e problemi digestivi. Ha comunque un buon profumo e potete tranquillamente usarlo ma non ha le stesse proprietà del legno di sandalo.

Esempi di uso di olio essenziale  di sandalo

Un paio di gocce sui polsi servono a calmare, diminuire la tensione nervosa e lo stress. Avendo un profumo piacevole potete prendere una bottiglietta con la sfera o a rullo, riempirla dell’olio vettore di vostro gradimento e aggiungere qualche goccia di olio essenziale di sandalo. Potrete quindi portarla in giro con voi.

Un paio di gocce nella vasca da bagno dovrebbero aiutare in casi di mal di testa causati da stress e tensione

Aggiungere 20 gocce di olio essenziale di legno di sandalo in 100 ml di acqua distillata e usatelo come tonico se avete la pelle secca o le prime rughe.

Una crema per il viso e contro le rughe economica, prendere un vasetto 100 grammi di olio di cocco, 15 gocce di olio essenziale di sandalo e 15 gocce di olio essenziale di franchincenso. Spalmatela sul viso una volta al giorno e tenetela in frigorifero.