Che oli essenziali usare per la sindrome del tunnel carpale?

La sindrome del tunnel carpale è spesso dovuta alla compressione o infiammazione del nervo mediano del polso mentre passa per il canale carpale.

Colpisce più spesso le donne sopra i 40 anni ma può colpire persone di entrambi i sessi e a qualunque età se fanno molti movimenti monotomi con il polso. Usa male la tastiera del computer può essere una causa.

La sindrome causa dolore e formicolio alle prime tre dita dita della mano e in parte il quarto dito che è spesso intermittente e peggiora la notte. Con il tempo se la sindrome peggiora si possono notare problemi a usare le dita della mano colpita. Spesso la sindrome colpisce entrambe le mani.

Per risolvere il problema ci sono diverse terapie fisiche, certi preferiscono usare tutori per immobilizzare la zona e a volte basta cambiare posizione alla tastiera o cercare di evitare movimenti ripetitivi.

L’aromaterapia aiuta a diminuire alcuni sintomi, non vi cura dalla sindrome del tunnel carpale ma può diminuire il dolore e formicolio.

[amazon_link asins=’B004RGOB7Q,B00PH6E0VM,B073TXDNJY,B075CJLDFY,B006O9R8L0,B0786Z48VW’ template=’ProductCarousel’ store=’aromiepiante-21′ marketplace=’IT’ link_id=’7d968134-3e94-4613-bf3a-6a833958839e’]

Potete usare questa semplice ricetta. Potete farne una boccetta da usare per un periodo di tempo. In qualsiasi situazione mischiate sempre con olio vettore, per un cucchiaio di olio vettore necessario per massaggiare entrambi i polsi e le mani mettete 2/3 gocce di miscela.

Per fare 5ml di miscela usate 25 gocce di olio essenziale di eucalipto, 25 gocce di olio essenziale di menta piperita, 25 gocce di olio essenziale di zenzero e 25 gocce di olio essenziale di rosmarino. Massaggiate olio vettore e miscela nella mani e dita.

Altri oli essenziali da usare

olio essenziale di mirra

Olio essenziale di mirra; i suoi benefici e come usarlo

L’olio essenziale di mirra proviene da una resina di un albero che cresce in Somalia e altre regioni del nord …

0 comments
olio essenziale di petitgrain

Olio essenziale di petitgrain; a cosa serve e come usarlo

L’olio essenziale di petitgrain è ottenuto dalle foglie e dai ramoscelli. Molto simile all’olio di neroli ma generalmente meno costoso. …

0 comments
olio essenziale di legno di cedro

Olio essenziale di legno di cedro; come usarlo e a cosa serve

L’olio essenziale di legno di cedro, sicuramente il mio preferito contro le tarme. Ora adoro anche l’aroma.  Storia e enformazione …

0 comments
olio essenziale di cipresso

Olio essenziale di cipresso, cose da sapere e come usarlo

Forse non sapevate che c’era un olio essenziale di cipresso, invece esiste proprio ed è anche piuttosto utile. Personalmente lo …

0 comments
OLIO ESSENZIALE DI legno di sandalo

Olio essenziale di sandalo; proprietà, benefici e come usarlo

L’olio essenziale di sandalo (o di legno di sandalo) ha un profumo molto piacevole e spesso usato in cosmetici e …

0 comments

 

 

olio essenziale di menta piperita

Olio essenziale di menta piperita; a cosa serve e come usarlo

L’olio essenziale di menta piperita è uno degli oli principali da tenere sempre in casa, infatti come potrete leggere sotto offre sollievo velocemente per alcuni piccoli problemi come il mal di testa e il prurito. Ottimo anche da usare prima di guidare o prima di un esame. 

Nome botanico: Mentha spicata, Mentha viridis
Famiglia: Lamiaceae
L’olio essenziale è ottenuto dalle foglie e dalla punta dei fiori.

Storia e Informazione dell’olio essenziale di menta peperita

La pianta della menta proviene della regione mediterranea, ora viene coltivata molto negli Stati Uniti. La pianta cresce fino a un’altezza di circa 1-3 metri, le foglie sono lucide e verdi, mentre i fiori sono bianchi o lilla.

La menta verde era usata da  Egiziani, Greci e Romani anche come erba medicinale.  I Romani indossavano corone di fiori di menta nei capelli durante i banchetti e decoravano anche le tavole con ramoscelli di questa pianta.

 

Ippocrate menzionò la menta per le sue proprietà diuretiche e stimolanti. I romani spargevano anche le strade di foglie di menta per festeggiare i gladiatori vincitori.

Il famoso Plinio citò la menta ben 47 volte. In particolare, raccomandava il suo uso come un ricostituente per rivitalizzare il corpo e aiutare la digestione.

Galeno, medico greco,riteneva che la menta fosse un afrodisiaco

•Durante il Medioevo, la polvere di foglie di menta veniva usata per guarire le piaghe della bocca e  dalle punture di insetti, per sbiancare i denti, respingere i topi e ratti, e per mantenere fresco il latte. In poche parole risolveva tanti problemi.

I popoli nativi americani usavano  le foglie per facilitare la digestione, alleviare il mal di testa, febbre, mal di gola e diarrea.
•La menta veniva anche data a tori e stalloni per incoraggiare l’interesse sessuale.  Si dice che le foglie fresche abbiano un alto contenuto di vitamina C e A.

Proprietà dell’olio essenziale di menta piperita

Analgesico, anestetico, antibatterico, anticonvulsive, antidepressivo, antidiarroico,  anti-infiammatorio, antinevralgico, antiflogistico, antiprurito, antisettico, antispasmodico (sistema digerente), antitossico (gastrointestinale avvelenamento), antitussigeno, antivirale, aperitivo, afrodisiaco, astringente, carminative, cefalico, colagogo, cordiale, decongestionante, depurativo, digestivo, emmenagogo, espettorante, febbrifugo, repellente per insetti, tonificante, nervino, parasiticida, fresco, refrigerante, rigenerante, stimolante del sistema nervoso), stomachico, sudorifero, tonico (cuore), edificante, vasocostrittore, vermifugo

Lepisma saccharina

per dissuadere tali insetti sono: collocare alcune gocce di olio essenziale di menta piperita, citronella, o[senza fonte] soluzioni a base di ammoniaca

Usi teraupetici dell’olio essenziale di menta piperita

Migliora la digestione,  riduce la flatulenza e nausea, aumenta l’appetito; rinfresca l’alito cattivo. Se hai nausea, l’inalazione di olio essenziale di menta peperita dovrebbe fare sparire quasi immediatamente i sintomi.

Lo stesso vale in caso di mal di testa e le emicranie soprattutto se causate da tensione nervosa o da problemi digestivi.

olio essenziale di menta

Ci sono diversi studi che provano che sia utile a far sparire o diminuire il mal di testa.
Buona per i sintomi del raffreddore. I vapori, se inalati,  migliorano la respirazione Buono soprattutto per le persone che hanno un metabolismo lento,  la menta ha proprietà afrodisiache e rinfrescanti

La menta stimola il cervello, i nervi, e il metabolismo, aumenta la chiarezza mentale, prontezza di riflessi e la capacità di concentrarsi, acuisce i sensi; incoraggia la comunicazione. L’olio essenziale migliore per studiare o prima di un esame.  Non usarlo invece se ti vuoi rilassare o dormire. Uno studio ha trovato che la menta peperita aiuta molto chi guida in macchina a stare sveglio e all’erta.

Aiuta anche a far rinvenire una persona dopo uno svenimento o  shock
Aumenta la forza fisica e la resistenza
Allevia il dolore, l’infiammazione, il dolore mestruale e crampi
Riduce l’allattamento
Respinge gli insetti, uccide i parassiti

[amazon_link asins=’B0057X2HC4,B008YFXNJ8,B079T7GFPF,B0070X1PZE,B01N36PFJC’ template=’ProductCarousel’ store=’aromiepiante-21′ marketplace=’IT’ link_id=’c38e56c1-ba52-11e8-ab7b-73385be32db1′]

Precauzioni ed effetti collaterali dell’olio essenziale di menta piperita

Anche se considerato essere uno degli oli essenziali più sicuri, dovrete comunque fare attenzione. Alcune guide indicano questo olio per combattere la nausea durante la gravidanza, ma in effetti è sconsigliato usarlo durante la gravidanza.

Non dare ai bambini di meno di 7 anni. Può irritare le mucose della bocca ed evitate gli occhi se lo mettete in faccia.  Fate anche attenzione ai gatti, molti mici amano il sapore della menta e cercheranno di bere l’olio essenziale che potrebbe bruciarli il pancino, se ingerito. Può irritare la pelle, usate sempre  un olio vettore.

Come usare l’olio essenziale di menta piperita

Potete usarlo insieme a questi oli: Benzoino, Lavanda, Eucalipto, Maggiorana, Limone e Rosmarino. 

Pediluvio

Un paio di gocce insieme ad un cucchiaio di olio vettore in un catino di acqua calda (attenzione che non scotti), mettere i piedi a mollo per circa 10 minuti o fin quando l’acqua si raffredda.

olio di jojoba

Olio di jojoba, come usarlo per massaggi e aromaterapia

Come sapete bene, per usare gli oli essenziale sulla pelle dovete prima diluirli in un olio vettore. Ci sono tanti …

0 comments

Gillenia trifoliata; pianta americana da giardino con proprietà medicinali

Una pianta ancora non molto comune in Italia, anche se alcuni appassionati di giardinaggio l’hanno adottata. Cresce nel est degli …

0 comments
olio essenziale di aneto

Olio essenziale di aneto; a cosa serve e come usarlo

L’olio essenziale di aneto non è molto comune ma ha diverse proprietà interessanti come potrete scoprire qui sotto. Nome botanico: …

0 comments

Olio essenziale di verbena, quando e come usarlo

Guardiamo ora all’olio essenziale di verbena che proviene da una pianta originaria dal Cile e  Perù, la verbena d ora …

0 comments
abbassare la pressione

Abbassare la pressione con gli oli essenziali; alcune ricette

Molti di noi si trovano a dover trovare modi per abbassare la pressione. Se avete la pressione alta prima di …

0 comments