olio essenziale di pepe nero

Olio essenziale di pepe nero; cose che devi assolutamente sapere

L’olio essenziale di pepe nero viene ottenuto dalle bacche di una pianta tropicale. Una delle spezie più antiche e diffuse.

 

Storia e Informazione del pepe nero

il Pepe nero è una pianta tropicale rampicante originario dell’India. La pianta cresce fino ad un’altezza di circa 3 metri e ha grappoli di piccoli fiori bianchi.

Appena le bacche maturano, diventano verde, arancio e rosso. Quando le bacche vengono raccolte, sono lasciate al sole ad asciugare, e a questo punto diventano nere.

Il Pepe nero è una delle spezie più antiche, usato in India, l’antica Grecia e Roma, da migliaia di anni.
Ippocrate sosteneva che il pepe aiutasse la digestioneAttila aveva chiesto 1500 chili di pepe come parte del riscatto durante il sacco di Roma

In tutta l’Europa medievale, questa preziosa spezia, veniva spesso pagata in oro, grammo per grammo. Durante il Medioevo e l’assedio di Roma nel ‘ 400

La Spezia fu a volte utilizzata come moneta.
Durante il Medio Evo, il pepe era la più importante merce di scambio tra l’Europa e l’India. Gli affitti e le tasse erano spesso pagati con un pizzico di pepe.

Informazione sull’olio essenziale di pepe nero

Si mescola Bene con: arancio dolce, chiodi di garofano, cannella, lavanda, incenso, limone
Metodo di Estrazione: distillazione in corrente di Vapore delle essiccate e pepe in grani/frutti di bosco per produrre l’olio essenziale di pepe nero.
Distribuzione della Pianta: originario dell’India e della Cina. È coltivato in Malesia, Indonesia, e in altri luoghi con un clima simile

Usi teraupetici dell’olio essenziale di pepe nero

Buono in caso di geloni
Bronchite, reumatismi, artrite, dolori muscolari, problemi di circolazione, stipsi, flatulenza, raffreddori, influenza, indigestione

Usato in casi di raffreddori e influenze, serve anche ad abbassare la febbre
Se inalate questo olio sarà più facile smettere di fumare
Buono in certi casi di avvelenamento da cibo, serve anche a migliorare la digestione

 

Controindicazioni ed effetti collaterali

Attenzione: Usare con moderazione può essere irritante in grandi dosi. Non usare se avete gravi problemi renali. Non dare ai bambini.

Esempi di uso di olio essenziale di pepe nero

Artrite

Questo olio scalda e potete quindi mischiarlo a un cucchiaio da tavola di olio vettore e massaggiarlo sull’area dolorante.

Muscoli doloranti

Potete diluire 3 gocce di olio essenziale in un olio vettore e massaggiare i muscoli oppure aggiungere la miscela in un bagno caldo.

Digestione

Diluite 3 gocce di olio essenziale di pepe nero in un cucchiaio di olio vettore e massaggevi l’addome in senso orario. Il pepe nero tende a stimolare la secrezione di bile e altri succhi digestivi e quindi aiuta la digestione.

Nausea

Basta mettere un paio di gocce di olio di pepe nero in un fazzoletto o un batuffolo di cotone e inalare

Raffreddore

Diluite 3 gocce di olio in un cucchiaio di olio vettore e massaggiatelo bene sul petto.

Altri oli essenziali da scoprire

10 benefici dell’olio essenziale di lavanda

L’olio essenziale più comune e anche più sicuro, adatto anche per i bambini, il jolly di tutti gli oli essenziali. …

0 comments
olio essenziale di camomilla

Olio essenziale di camomilla; a cosa serve e come usarlo

L’olio essenziale di camomilla sarebbe un olio da tenere in casa, purtroppo però è piuttosto costoso e molti preferiscono altri oli. …

0 comments

Acqua di rose: di cosa si tratta e come usarla

Durante la distillazione di fiori per creare l’olio essenziale rimane dell’acqua, spesso quest’acqua viene usata, anche se la più famosa, …

0 comments

 

OLIO ESSENZIALE DI MANDARINO

Olio essenziale di mandarino; i suoi benefici e come usarlo

Sicuramente l’olio essenziale di mandarino ha un buon profumo che riconosciamo tutti ma ha anche altre proprietà?
Nome botanico: Citrus clementina (Clementine), Citrus nobilis (Mandarino), Citrus reticulata (Mandarino, Mandarino e Clementine)
Famiglia: Rutaceae
L’olio essenziale è ottenuto dalla buccia del frutto.

Storia e Informazioni del mandarino

Il mandarino  è un sempreverde, albero di agrumi, originario dall’Asia. Gli alberi crescono ad un’altezza di circa 3-7 metri e hanno fiori bianchi profumati che diventano frutti arancione. Portato in Europa nel 1805 da allora viene anche coltivato fuori dall’Asia.
La clementina  è  un ibrido chiamato da Pere Clemente , che scoprì l’albero nei primi anni del 1900.
Gli oli sono usati per condire i dolciumi, bevande, gomme da masticare e prodotti da forno e sono molto apprezzati in profumeria.
MANDARIN

Usi Pratici dell’olio essenziale di mandarino

Viene usato per il raffreddore
Purificante, aiuta a diminuire la cellulite
Calmante; favorisce un sonno riposante
Incoraggia a sognare
Migliora la chiarezza mentale e la prontezza di riflessi, acuisce la mente, allevia la tensione emotiva e lo stress
Serve a calmare i bambini irritati

Proprietà dell’olio essenziale di mandarino

Antidepressivo, antiemetico, antisettico, antispasmodico, antistress, antitussigeni, aperitivo, astringente, calmative, carminative, colagogo,  decongestionante, depurativo, digestivo, diuretico, emolliente, ipnotico, rivitalizzante, sedativo, stimolante digestivo e linfatico), stomachico, tonico, sedativo, edificante

Come si usa in aromaterapia?

Potete usarlo nel diffusore, nel bagno, in massaggi o inalarlo direttamente. Ovviamente diluirlo in olio vettore se usato direttamente sulla pelle, fate particolarmente attenzione se avete la pelle secca o delicata. Come tutti gli oli essenziali di agrumi anche quello del mandarino è fototossico e non andate alla luce del sole scoperti per diverse ore dopo averlo applicato sulla pelle.
Potete mischiare l’olio essenziale di mandarino agli oli di altri agrumi per creare un buon profumo ma funziona molto bene anche mischiato all’olio essenziale di cannella o chiodi di garofano. Provare per credere.

Altri oli essenziali da scoprire

olio essenziale di petitgrain

Cose da sapere sull’olio essenziale di petitgrain

Nome botanico: Citrus aurantium Famiglia: Rutaceae L’olio essenziale di petitgrain è ottenuto dalle foglie e dai ramoscelli. Molto simile all’olio …

0 comments
olio essenziale di incenso

Olio essenziale di incenso; a cosa serve e come usarlo

L’olio essenziale di incenso, insieme alla mirra ci ricorda dei tre magi, era infatti uno dei tre doni che portarono …

0 comments
olio essenziale di cannella

Olio essenziale di cannella; cose da sapere e quando usarlo

Conosciamo tutti questa spezia per dolci e bevande ma esiste anche un olio essenziale di cannella utile in diverse occasioni …

0 comments
olio essenziale di mirra

Olio essenziale di mirra; i suoi benefici e come usarlo

L’olio essenziale di mirra proviene da una resina di un albero che cresce in Somalia e altre regioni del nord est Africa. Mirra e incenso fanno pensare ai re magi, ma questa resina viene ancora usato in molti modi.
L’olio essenziale di mirra si mescola a bene con: Incenso, arancio dolce, mandarino, lavanda, bergamotto, legno di sandalo, spezie e benzoino
Nome botanico: Commiphora myrrha.
Famiglia: Burseraceae
Oli alternativi: Patchouli (Pogostemon cablin)
Metodo di Estrazione: distillazione usando vapore, l’estrazione produce una resina. La resina e oli essenziali sono ottenuti dalla corteccia.
La pianta proviene dal sud-ovest dell’Asia e dal nord est Africa. Si tratta di un arbusto o piccolo albero che cresce fino a 10 metri di altezza. Ha fiori bianchi e foglie profumate. La corteccia forma delle crepe, e si riempiono di una secrezione di resina . La consistenza iniziale della resina è fluida, ma si indurisce all’aria e diventa di colore rosso-marrone.
L’olio essenziale di mirra è di colore giallo con un aroma balsamico quasi da medicinale.
I principali componenti chimici dell’olio essenziale di mirra sono alcoli e sesquiterpeni

Le principali proprietà terapeutiche dell’olio essenziale di mirra

antinfiammatorio, antisettico, antimicrobico, astringente, cicatrizzante, emmenagogo, espettorante e  sedativo
Serve se avete la pelle screpolata, rughe e anche eczema. Dovete considerare che la mirra veniva usata per imbalsamare le mummie, quindi ha un effetto sulle rughe!
Molti la usano per l’artrite, ferite, asma, tosse, raffreddore, flatulenza, emorroidi,  e anche il piede dell’atleta. Come molte piante ha proprietà antibatteriche e contro i funghi. Viene anche usata per dolori mestruali.

Modalità di Utilizzo dell’olio essenziale di mirra

Viene usato in massaggi, diffusori, si trova in prodotti per la cura della pelle, in profumi, prodotti per il bagno e nelle candele. Si trova anche una versione acrilica di questo olio, ma ovviamente non contiene i principi attivi di quello naturale e quindi non ha gli stessi benefici.
Attenzione: Evitare durante la gravidanza e non dare ai bambini, come sempre fate attenzione quando usate qualsiasi olio essenziale in caso di allergie, fate un test prima dell’uso e diluite bene con un olio vettore.
La mirra rilassa l’utero e mentre questo va bene se si hanno dolori mestruali non va per niente bene durante la gravidanza. 

Altri oli essenziali da scoprire

10 benefici dell’olio essenziale di lavanda

L’olio essenziale più comune e anche più sicuro, adatto anche per i bambini, il jolly di tutti gli oli essenziali. …

0 comments
olio essenziale di ylang ylang

Olio essenziale di ylang ylang; cose da sapere e come usarlo

L’olio essenziale di ylang ylang è calmante e rilassante ma ha anche un grande aroma, usato molto in profumeria.  Nome botanico: …

0 comments
OLIO ESSENZIALE DI GERANIO

Cose che non sapete sull’olio essenziale di geranio

Nome botanico: Pelargonium graveolens. Sinonimi: Rosa geranio Pelargonium, geranio Bourbon. Botanica Famiglia: Geraniaceae. L’olio essenziale di geranio è ottenuto dalle …

0 comments
OLIO ESSENZIALE DI POMPELMO

Olio essenziale di pompelmo; a cosa serve e come si usa

L’olio essenziale di pompelmo, uno dei tanti oli che provengono da agrumi. Non i più potenti dal punto di vista medicinale ma sicuramente tra i più profumati. L’olio essenziale è ottenuto dalla buccia del frutto.
Nome botanico: Citrus paradisi

Storia e informazione dell’olio essenziale di pompelmo

Il Pompelmo è un albero di agrumi sempreverde che cresce fino ad un’altezza di circa 9-15 metri e ha fiori bianchi profumati che diventano i grandi frutti gialli che conosciamo tutti.
La prima volta che si sentì parlare di pompelmo in Europa era nel 1600 e fu trovato in India. Si pensa che fosse una mutazione genetica del pomelo, un agrume cinese da cui si dice provengano quasi tutti gli altri agrumi. Ora viene coltivato prevalentemente in California, Florida, e Brasile
La buccia contiene un componente molto amaro chiamato naringina, che viene utilizzato come aromatizzante in cioccolato e tonico amaro per le bevande.  L’olio dei semi può essere utilizzato in insalate e come olio da cucina dopo che si è raffinato per estrarre il sapore amaro. 
Ci sono anche versioni rosa e rosse di pompelmo.

Usi pratici dell’olio essenziale di pompelmo

Si usa nei casi di raffreddori e  contro lo stress ma è particolarmente famoso per il suo uso per combattere la cellulite. Si usa anche in casi di acne e pelle grassa.
É anche energetico e risveglia velocemente, serve anche a migliorare la chiarezza mentale, usatelo per studiare.
Antibatterico, antidepressivo, antisettico, antistress, antitossico, aperitivo,  astringente, bilanciante, cefalico, depurativo, disintossicante, digestivo, disinfettante, diuretico, emostatico, risolutivo, ristoratore, o stimolante digestivo e linfatico, , tonico  per il fegato e  tonificante per la pelle
Potete usarlo nel bagno, diffusore, inalatore, lampadina, massaggi e spruzzato
Attenzione: le persone con pelle sensibile o secca possono richiedere ulteriori olio vettore quando utilizzano l’olio essenziale sulla pelle. Utilizzare piccole quantità. Pompelmo è fototossico, ovvero evitate l’esposizione alla luce diretta del sole per diverse ore dopo l’applicazione dell’olio essenziale di pompelmo sulla pelle. Ha una vita breve e diventa rapidamente rancido.
Si mescola Bene con: Limone, cipresso, geranio, lavanda. L’olio ha un dolce aroma di agrumi e un colore giallo pallido o verdino.
Principali Componenti Chimici dell’Olio Essenziale: Monoterpeni che sarebbe limonene

Altri oli essenziali da scoprire

olio essenziale menta piperita

Olio essenziale menta piperita per il mal di testa, ma serve davvero?

Molti diranno di usare olio essenziale menta piperita per il mal di testa ma ci chiediamo se serve davvero? La …

0 comments
olio essenziale di citronella

Olio essenziale di citronella; a cosa serve e come usarlo

L’olio essenziale di citronella non viene da un agrume ma da un’erba asiatica che profuma effettivamente di limone. Nome botanico: …

0 comments

Olio di rosmarino e la memoria; serve davvero?

Tradizionalmente il rosmarino è detto essere buono per aumentare la memoria, quindi molti consigliano di annusare il rosmarino quando si studia. Negli …

0 comments
olio essenziale di citronella

Olio essenziale di citronella; a cosa serve e come usarlo

L’olio essenziale di citronella non viene da un agrume ma da un’erba asiatica che profuma effettivamente di limone.
Nome botanico: Andropogon nardus, Cymbopogon nardus.
Per il suo buon profumo e il fatto che repelle gli insetti, le zanzare in particolare, è un ottimo olio da tenere in casa e da diffondere nell’aria, magari mischiato alla lavanda, per una casa profumata.
Famiglia: Poaceae
L’olio essenziale è ottenuto dall’erba. La pianta e l’olio essenziale di citronella sono molto simili a quello che in inglese si chiama lemongrass, tecnicamente la citronella è un tipo di lemongrass. Se comprate l’olio ricordate che lemongrass e citronella anche se simili sono due oli diversi.

Storia e Informazione della citronella

Citronella è un’erba aromatica originaria dell’Asia. Usata nella medicina cinese per combattare problemi della pelle.
La citronella è anche  ampiamente usata in saponi, profumeria, prodotti sanitari, e repellenti per insetti.
La citronella come altre lemongrass viene usata nella cucina orientale, particolarmente quella tailandese per dare sapore ai cibi.
Dal momento che l’olio è poco costoso è utilizzato per adulterare altri oli essenziali come l’olio di rosa.

Usi Pratici dell’olio essenziale di citronella

Buono contro il raffreddore e generalmente un ottimo prodotto antibatterico che potete usare in prodotti per pulire la casa.
Calmante e riduce lo stress, anagelsico per dolori non gravi
Migliora la chiarezza mentale e la prontezza di riflessi
Respinge gli insetti, forse più famoso per questo uso

Proprietà documentate dell’olio essenziale di citronella

Antibatterico, antidepressivo, antimicotico, antinfiammatorio, antisettico, antispasmodico, deodorante, deodorante, diaforetico, disinfettante, diuretico, emmenagogo, febbrifugo, repellente per insetti insetticida, parasiticide, stimolante (digestione), stomachico, tonico, energizzante, vermifugo

Come usare l’olio essenziale di citronella

Potete usarlo con olio vettore in messaggi, nel diffusore (buono anche per respingere le zanzare)
Ufficialmente considerata un biopesticida, ovvero un prodotto che funge da pesticida ma non è dannoso agli uomini o all’ambiente.
Avvertenza: le Persone con la pelle sensibile o secca richiedono una dose maggiore di olio vettore se usano l’olio essenziale di citronella sulla pelle. La citronella è fototossica, quindi evitare l’esposizione alla luce diretta del sole per diverse ore dopo l’applicazione di olio sulla pelle.
Proprietà dell'aloe

Proprietà dell’aloe; cose da sapere su questa pianta

Le proprietà dell’aloe sono conosciute da anni, niente di sorprendente. L’aloe viene anche chiamata aloe vera. L’aloe  una succulenta pianta …

0 comments
olio essenziale di wintergreen

Olio essenziale di wintergreen; cose da sapere

Non conoscete l’olio essenziale di wintergreen? non ci credo! L’olio essenziale di wintergreen si trova in tante pomate per i …

0 comments
olio essenziale di patchouli

Olio essenziale di patchouli; a cosa serve e come usarlo

L’olio essenziale di patchouli era il profumo preferito degli hippies, ma ha una lunga storia sia come medicinale che come …

0 comments
olio essenziale di anice

Olio essenziale di anice; cose che dovete sapere

Conoscete tutti il profumo dell’anice, una pianta originaria dell’aria mediterranea, ma quando usare l’olio essenziale di anice? Nome botanico: Anisum …

0 comments
olio essenziale di origano

Olio essenziale di origano; cose da sapere e come usarlo

L’ olio essenziale di origano è ottenuto dalla pianta in fiore. Nome botanico: Origanum vulgare Famiglia: Lamiaceae Storia e Informazione …

0 comments
olio essenziale di cannella

Olio essenziale di cannella; cose da sapere e quando usarlo

Conosciamo tutti questa spezia per dolci e bevande ma esiste anche un olio essenziale di cannella utile in diverse occasioni e comunque piacevole nel diffusore insieme ad altri oli come arancio o limone.
Nome botanico: Cinnamomum verum, Cinnamomum zeylanicum, Laurus cinnamomum
Famiglia: Lauraceae
L’olio e l’estratto ottenuti dalla corteccia. Mentre l’olio essenziale di foglia di cannella chiaramente ottenuto dalle foglie.

Storia e informazione sull’olio essenziale di cannella

La cannella è un albero sempreverde originario dell’Asia che preferisce crescere in terreni umidi. L’albero cresce fino ad un’altezza di circa 10-12  metri, ha foglie verdi e piccoli fiori gialli o bianchi che diventano piccole bacche nere o blu.
La cannella è una delle spezie più antiche addirittura menzionata nel Vecchio Testamento. Gli erboristi cinesi avevano studiato e scritto sulla cannella dall’inizio del 2700 AC.
Gli antichi Cinesi utilizzavano la cannella per la febbre, la diarrea e i problemi mestruali.
Gli Egizi usavano cannella per le loro complicate procedure di imbalsamazione.
Nell’antica Grecia e a Roma, solo l’aristocrazia poteva permettersi la cannella. Sia i medici greci che i romani ritenevano che la cannella avesse forti proprietà antisettiche.
La cannella è una delle spezie più ricercate  durante le esplorazioni del 1500 e 1600. Ai quei tempi, la spezia era più preziosa dell’oro ed era un regalo pregiato da fare a re e nobili.
In Europa, la cannella è spesso un ingrediente di rimedi contro la tosse, raffreddore, mal di testa, dolore al petto, e i problemi di digestione. La spezia è stata presa per aiutare a migliorare l’ appetito, i problemi digestivi, e applicato direttamente per eliminare i pidocchi.
Nella medicina cinese, molti rimedi a base di erbe richiedono l’inserimento di cannella. Alcuni degli usi includono un tonico per la depressione, un calmante e un tonico per il cuore e la circolazione.
Negli ultimi anni, alcuni studi di ricerca hanno dimostrato che la cannella dovrebbe essere efficace a ridurre i livelli di zucchero nel sangue.
Studi fatti da ricercatori giapponesi hanno dimostrato che la cannella uccide funghi, batteri e altri microrganismi, tra cui batteri responsabili del botulismo  e le infezioni da stafilococco.
La corteccia produce da 0,5 a 1,5% di olio essenziale di cannella, che diventa più scuro quando è esposto all’aria.
I boccioli di bacche ancora acerbi possono essere lasciati a seccare e possono essere usati  per aromatizzare.
La cannella è la  seconda spezia più popolare nel mondo Occidentale. Al primo posto si trova da secoli il pepe nero.
L’olio essenziale in commercio è spesso quello estratto dalle foglie che ha un aroma più simile ai chiodi di garofano che quello tipico della cannella.

Usi pratici dell’olio essenziale di cannella

Riscalda e  migliora la circolazione
Viene usato in casi di pidocchi (ma preferibilmente non usarlo per bambini)
Migliora la digestione come molte altre spezie e anche problemi intestinali
Serve anche in casi di raffreddore e
Aiuta a ridurre la cellulite
Si mescola bene con: arancio dolce, bergamotto, limone,  chiodi di garofano e altri oli a base di spezie
Avvertenze; un componente dell’olio estratto dalle foglie è l’eugenolo che può irritare la pelle e soprattutto le mucose. Utilizzare in bassa diluizione e moderazione. L’olio di corteccia di cannella  è molto più tossico di quello di foglia di cannella. Non usare durante la gravidanza e sui bambini. 
dove comprare olio essenziale

Dove comprare olio essenziale? Meglio in negozi, farmacia o online?

Molti si chiedono quale marche comprare e dove comprare olio essenziale? Bisogna precisare prima di tutto che gli oli essenziali …

0 comments

Fare il bagno con gli oli essenziali per sentirsi meglio

Indubbiamente uno dei modi semplici e veloce per usare gli oli essenziale è metterli nella vasca da bagno e fare …

0 comments
oli essenziali per l'acne

Oli essenziali per l’acne, quali sono e come usarli?

L’acne è un problema molto comune e gli oli essenziali possono forse aiutarvi. Dico forse perché non esiste mai una soluzione che …

0 comments
OLIO essenziale di canfora

Olio essenziale di canfora; cose da sapere e come usarlo

L’olio essenziale di canfora è ottenuto dal legno dell’albero.

Nome botanico: Cinnamomum canfora, Laurus canfora
Famiglia: Lauraceae

Storia e informazione sull’olio essenziale di canfora

La canfora è un albero sempreverde originario dell’Asia. Questo albero può superare i 20 o anche 30 metri di altezza, ha foglie rosse che diventano verdi, e formano grappoli di fiori gialli. Canfora è simile agli alberi di cannella e cassia.
La canfora è stato utilizzata nella medicina Cinese da oltre 2.000 anni.
Un tempo la canfora costava più dell’oro!
È stato usato come un rimedio contro la peste.
La medicina ayurvedica utilizza questo pianta contro il mal di testa, infezioni, e le punture di insetti e di serpente.
 Il profumo di canfora respinge gli insetti e veniva messo negli armadi contro le tarme

Canfora

canfora, linimento di canfora e linimento canforato (tranne “olio essenziale di canfora bianco”, che non contiene quantità significative di canfora).

Usi Pratici dell’olio essenziale di canfora

Apre le vie respiratorie in caso di raffreddore
Repelle gli insetti

Documentata Proprietà dell’olio di canfora

Analgesico, antielmintico, antibatterico, antidepressivo, antinfiammatorio, antireumatico, antisettico, antispasmodico, antivirale, cardiaco, carminativo,  diaforetico, diuretico, espettorante, febbrifugo, ipertesi, repellente per insetti insetticida, lassativo, rubefacente, sedativo, stimolante del sistema nervoso centrale; le ghiandole surrenali; sistema respiratorio), sudorifero, tonico, vasocostrittore, vermifugo, vulnerario
Avvertenze: la Canfora può causare un eccesso di stimolazione delle ghiandole surrenali e può essere dannoso. L’olio dovrebbe essere evitato da persone inclini a crisi epilettiche. Non utilizzare sui bambini. Se utilizzato da adulti, utilizzare solo piccole quantità.
olio essenziale menta piperita

Olio essenziale menta piperita per il mal di testa, ma serve davvero?

Molti diranno di usare olio essenziale menta piperita per il mal di testa ma ci chiediamo se serve davvero? La …

0 comments
benefici del berberis

Benefici del berberis, usato contro il mal di gola

Quli sono i benefici del berberis? Forse relativamente poco conosciuto ma oltre a poter fare la marmellata di berberis (chi …

0 comments
i benefici dell'angelica

I benefici dell’angelica, a chi bisogna credere?

L’angelica è un’erba dalla lunga storia, usata in diverse culture fin da tempi preistorici. Non solo amata per i benefici …

0 comments
olio essenziale di aneto

Olio essenziale di aneto; a cosa serve e come usarlo

L’olio essenziale di aneto non è molto comune ma ha diverse proprietà interessanti come potrete scoprire qui sotto.
Nome botanico: Anethum graveolens.
Botanica Famiglia: Apiaceae.
Si mescola bene con: l’olio essenziale di limone e tutti gli oli a base di spezie
La pianta è originaria della regione del Mediterraneo e del Mar Nero nel sud della Russia. È ora coltivato in molti luoghi, tra cui Europa, Stati Uniti e Cina.

Caratteristiche e proprietà dell’olio essenziale di aneto

Descrizione della pianta di aneto: erba annuale o biennale che cresce fino ad un’altezza di circa due metri. Ha ombrelle di fiori gialli e piuma-come foglie. La pianta, sembra molto simile al finocchio, soprattutto quello selvatico, anche se la composizione chimica dei due oli essenziali sono completamente diversi.
Caratteristiche dell’olio essenziale di aneto: ha un colore giallo paglierino con un caldo aroma speziato, simile all’anice e al finocchio
Principali componenti chimici dell’olio ossenziale: Chetoni e monoterpeni.
Principali proprietà terapeutiche dell’olio ossenziale: Antibatterico, digestivo, sedativo, antisettico, emmenagogo, mucolitico.
Viene utilizzato per guarire le ferite più velocemente. Utile anche per la digestione, specialmente in casi di flatulenza e indigestione. Molti lo usano anche per il raffreddore e bronchite.
Dovrebbe aumentare la produzione del latte nelle mamme che allattano e viene anche usato per mestruazioni assenti o irregolari. L’acqua di aneto è stata usata tradizionalmente per i problemi digestivi di bambini e neonati e contro il singhiozzo. Infatti i semi di aneto sono stati usati da secoli contro il singhiozzo e per facilitare la digestione.
Potete usare l’olio essenziale in diffusori, inalato o in massaggi. Come sempre diluitelo in un olio vettore e fate un test per le allergie 24 ore prima del primo uso.
Avvertenze: anche se dovrebbe andare bene alle mamme che allattano, evitate di usare l’olio essenziale di aneto durante la gravidanza.
Puoi anche leggere la pagina di Wikipedia sull’aneto
olio essenziale di incenso

Olio essenziale di incenso; a cosa serve e come usarlo

L’olio essenziale di incenso, insieme alla mirra ci ricorda dei tre magi, era infatti uno dei tre doni che portarono …

0 comments
OLIO ESSENZIALE DI EUCALIPTO

Olio essenziale di eucalipto; a cosa serve e come usarlo

Nome botanico: Eucalyptus immersioni, eucalyptus globulus (Eucalipto), Eucaliptu macarthurii, Eucaliptus polybractea , Eucaliptus radiata, Eucalipus sideroxylon, Eucaliptus smithii Famiglia: Myrtaceae …

0 comments
olio essenziale di mirra

Olio essenziale di mirra; i suoi benefici e come usarlo

L’olio essenziale di mirra proviene da una resina di un albero che cresce in Somalia e altre regioni del nord …

0 comments
olio essenziale di chiodi di garofano

Cose da sapere sull’olio essenziale di chiodi di garofano

L’olio essenziale di chiodi di garofano è ottenuto dalle gemme, anche se non un olio che dovete assolutamente avere, ha diverse proprietà interessanti.

Storia e Informazioni dell’olio essenziale di chiodi di garofano

È un albero tropicale sempreverde originario dell’Asia. L’albero cresce fino ad un’altezza di circa 12 metri, ha foglie di colore verde scuro  gemme  di un bel colore rosa brillante che si sviluppano in fiori gialli che diventano poi bacche di color viola. Distribuzione della Pianta: Forse nativo di Indonesia. È coltivato in luoghi come Sri Lanka, India, Filippine, Mauritius e Sud America.
Nell’antica Persia, i chiodi di garofano venivano usati in pozioni d’amore. Nella medicina cinese, il chiodo di garofano è noto per le sue proprietà antibatteriche e contro i funghi.
I guaritori ayurvedici in India hanno da secoli utilizzato i chiodi di garofano per il trattamento di febbre, disturbi respiratori e problemi digestivi.
In Africa,  la corteccia, foglie e radici vengono utilizzate per aumentare la lattazione nelle donne
Un rimedio popolare per calmare di mal di testa consisteva di garofano e di aceto di sidro.
I chiodi di garofano sono spesso molto usati e conosciuti per far sparire il mal di denti, praticamente immediatamente
L’olio essenziale di chiodi di garofano è anche usato per disinfettare i grandi luoghi pubblici come teatri.
Le gemme rendono il 16% di olio essenziale, i gambi 4 al 6 per cento, e le foglie circa il 2 per cento. Gli oli essenziali sono utilizzati in profumi, saponi, dentifrici e collutori. È stato riferito che il popolo Indonesiano consumano quasi il 65% della fornitura mondiale di chiodi di garofano per fare le loro sigarette in miscela con il tabacco.

Usi Pratici dell’olio essenziale di chiodi di garofano

Migliora la digestione e riduce la flatulenza
I vapori migliorano la respirazione
migliora la chiarezza mentale e la memoria
Buon sedativo per dolori localizzati come per esempio il mal di denti
Disinfettante
Respinge gli insetti

Proprietà dell’olio essenziale di chiodi di garofano

Abortivi, analgesici, anestetici (locali), antielmintico, antibatterico, antidepressivo, antiemetici, antimicotico, antinevralgica, antiossidante, antireumatico, antisettico, antispasmodico, antistress, antivirale, aperitivo, afrodisiaco, carminative, caustico, cicatrizzante, counterirritant, disinfettante, emmenagogo, espettorante, repellente per insetti insetticida, parasiticide, stimolante, stomachico, tonico, vermifugo
Si mescola Bene con: arancia Dolce, timo, salvia, rosa, cannella, altri oli a base di agrumi.
Come tanti oli essenziali può essere usato per massaggi se diluito in olio vettore, nella vasca da bagno, inalato o in diffusori.
Attenzione: le Persone con pelle sensibile o secca, possono richiedereuna quantità maggiore di olio vettore se messo direttamente sulla pelle. Utilizzare piccole quantità.
Caratteristiche dell’olio essenziale di chiodi di garofano: di colore giallo paglierino con un dolce e speziato.
Principali Componenti Chimici dell’Olio Essenziale: Fenoli (vale a dire, eugenolo).

Send this to a friend